Servizi
Contatti

Eventi


Come un piccolo sogno

“È del poeta il fin la meraviglia… chi non sa far stupir vada alla striglia”. Così scrisse Giambattista Marino quattro secoli fa e così sembra ricordarci Roberta Degl’Innocenti in questo suo ultimissimo lavoro letterario dove l’alternarsi di pagine in prosa e di pagine in versi ci fanno passare da uno stupore all’altro in una miscela di favola e poesia, anche se la partenza evoca una triste esperienza vissuta nella sua città, l’alluvione del ’66 a Firenze.

Ma pure questa triste esperienza ha il suo risvolto incredibile perché la ragazzina di allora, vedendo portare via dalle acque del fiume tutti i suoi giochi e i suoi sogni d’adolescente, si ritrova accanto un inaspettato regalo: il dono della parola che diventa gioco d’arte.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza