Servizi
Contatti

Eventi


Elisa Baciocchi e il fratello Napoleone
Storie francesi da Piombino a Parigi

Elisa Bonaparte come simbolo dell'emancipazione.

Un libro per conoscere Elisa Bonaparte sorella di Napoleone e signora di Piombino, moglie di quel Felice Baciocchi che assieme a lei dominò sulla città dal 1805. A restituirne il ricordo Roberto Mosi, l'autore di Elisa Baciocchi e il fratello Napoleone. Storie francesi da Piombino a Parigi, uscito per le edizioni il Foglio.

«Mi affascinava - spiega Mosi - questa figura di donna che appare antesignana dell'emancipazione. Elisa fu una donna che mostrò forza di carattere sia nel momento della fortuna che in quello delle avversità.

Donna che fu anche animata da una curiosità intellettuale e culturale e che fu partecipe entusiasta dei vertiginosi cambiamenti dell'epoca. «La sua opera - aggiunge Mosi - segna lo scuotimento della polvere delle vesti provinciali dei piccoli centri della Toscana costiera su cui lei esercitò il suo potere. Non a caso Napoleone sosteneva che Elisa fosse migliore dei suoi ministri). Già dirigente per la cultura alla Regione, Mosi racconta che proprio in quel periodo è iniziata la sua raccolta di materiali su Elisa, a partire dagli studi e le mostre «Il principato napoleonico dei Baciocchi», curati negli anni '80 da Vito Tirelli. «Ho collaborato, agli inizi del 2000, al progetto "Napoleone ed Elisa: segni della presenza in Toscana" - dice - Piombino e la sua costa, per me, fiorentino, sono luoghi naturali di vacanza. Sono appassionato della storia di questi luoghi dagli etruschi ai nostri giorni, dedicando a queste zone anche parte della mia opera poetica». L'incontro con Gordiano Lupi, editore de Il Foglio, risale a tre anni fa, ai tempi della pubblicazione del libro «Aquiloni), che Mosi ha dedicato alle nipotine: poi, a dicembre, la proposta del libro su Elisa e, subito, raccordo per la pubblicazione. Già presentato a Firenze, il libro - che a Piombino ha riscosso notevole successo - potrebbe tornare in estate. «Confido in una presentazione in città durante le iniziative culturali. Farò pure un incontro nel giardino della mia casa, vicino a Baratti».

5 giugno 2013

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza