Servizi
Contatti

Eventi


Fuori tempo massimo

Fuori tempo massimo, il nuovo romanzo di Luciana Chittero Villani, è, soprattutto, una riflessione sulla scrittura. Pur avendo la vocazione a costruire storie, la giovane "Viviana aveva rinunciato a scrivere". "I personaggi che un tempo si erano affacciati alla sua mente per giocare... non le parlavano più. Come se improvvisamente avessero deciso di non rivelare i loro nomi e le loro storie a un mondo incapace di comprenderli". E da queste parole che occorre partire per cogliere il senso del libro. Viviana si sente svuotata e "nauseata" dal contatto con i "narcisismi degli altri scrittori". Il suo destino s'incrocia con quello di Ildo, un giornalista dal passato glorioso al termine della sua carriera. Lei, che inizia il suo percorso; lui, che lo ha appena completato, tra inquietudine, insoddisfazione, paura del vuoto. La trama e l'intreccio sono solo un espediente di cui l'autrice si serve per introdurre il lettore in un contesto più ampio, quello del rapporto tra l'esistenza e la sua complessa e improbabile rappresentazione letteraria. La vicenda si muove intorno a pochi elementi: un quaderno misterioso; l'accusa di aver commesso un crimine; la verità scoperta tardi, appunto "fuori tempo massimo"... Perché è proprio questo che accade, oggi pù di ieri, al singolo, quando tenta di misurarsi con gli eventi e con una realtà sempre pùi angustiata da ostacoli e da pregiudizi.

Luciana Chittero è innanzitutto poetessa e, in quanto tale, conosce bene l'alchimia necessaria per mescolare, in giusta dose, il silenzio e le parole. La poesia è ritmo, equilibrio. In essa, come nella musica, le pause hanno peso e funzione nello 'spartito'. Quella della scrittrice sarda è, infatti, prosa poetica, misurata, regolata dal principio della 'sottrazione' e cioè della riduzione del discorso alla sua essenza nuda. Perciò, è lei stessa a sottolinearlo, il lettore non dovrà stupirsi della frequenza degli spazi Bianchi. Servono. Gli danno la possibilità di modulare, in modo armonico, respiro e pensieri, cuore e ragione, intuizione e riflessione. Allo stesso modo, non ci si dovrà stupire se, all'interno della storia narrata, come in una matriosca, viene inserita una fiaba già pubblicata, La leggenda di Dravella. Luciana Chittero immagina che sia Viviana a scriverla, il suo alter ego che, sia pure per poco, aveva smesso di dedicarsi a costruire storie. E' stata una notizia ascoltata dalla televisione a ridarle entusiasmo e ispirazione. Le ha fatto capire che la realtà, per farsi scrittura, deve essere adeguatamente trasfigurata.

Un libro sulla scrittura, dicevo, ma anche una riflessione tagliente sul giornalismo. Basta leggere il dialogo, nelle pagine iniziali del libro, tra Ildo e il suo editore al momento del commiato: "Sostituirti! Chi potrebbe mai? Tu hai creato il giornalismo. Tu ne hai fatto la storia"; "Io sono stato sempre un libero pensatore e continuerò a esserlo"; "Sappiamo che la coerenza stata sempre il tuo punto d'onore. Ma, al giorno d'oggi, la coerenza non paga più. Oggi vince il camaleontismo. Bisogna essere come i serpenti: saper cambiar pelle al cambio di stagione". Non c'è bisogno di aggiungere altro. Luciana Chittero, tra detto e non detto, ha fornito con estrema chiarezza le coordinate e la tensione etica del suo messaggio.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza