Servizi
Contatti

Eventi


Paesaggi & Figure

“Riveduta e accresciuta”, è stata di recente ristampata, dalla Tecnoprint, l’opera Paesaggi e Figure di Franco Orlandini, docente a riposo, poeta e saggista. Il volume è impreziosito da disegni realizzati dall’autore, per sottolineare, anche con la pittura, i punti chiave della sua visione del mondo. La copertina con “Nubi sulle alture”, ad esempio, è metafora di una delle dimensioni più forti del messaggio veicolato dal libro: l’ascensione alla vetta è disturbata da nuvole che, sottraendo spazio alla luce, la rendono ancora più difficile. Confermano l’assunto le altre tavole: “Autoritratto giovanile”, “Autunno”, “Giornata d’inverno”, “Colline a sera”, “Crepuscolo sul mare”, “Autoritratto, nella morte della madre”.

Orlandini rievoca i momenti salienti della sua formazione: “l’inquietudine, “la paura del nulla” e la scoperta della “poesia”, capace di dargli “ore di furore appagante, di esaltazione, di sublimazione”; le esplorazioni in biblioteca, “al seguito dei Grandi del passato” che, avendo raggiunto “la città collocata sul monte”, erano diventati un punto di riferimento per quanti bramavano certezze; la scoperta di Papini con il quale impara a condividere “la repulsione per la quotidianità, in particolar modo di quella cittadina, per tutto ciò che ha di asfissiante, di banale, di falso, di artefatto…”; l’interesse per Apollinaire, “per quel suo continuo oscillare tra ordine e avventura”; la collaborazione con Carmine Manzi e Italo Rocco; l’incontro con il pensiero di Silone che “auspicava la riconsacrazione dell’uomo e il risveglio della religiosità”…

Muovendosi con occhio esperto tensione etica e creatività, tra “paesaggi e figure” e cioè tra scenari emblematici e personaggi significativi, Franco Orlandini ricorda ancora: i tedeschi in ritirata, le campane del 25 aprile del ’43; le conferenze di Fiumi, Bo, Bargellini… mirate a smuovere il “clima letterario stagnante” della “provincia”; la “scuoletta su un’altura, in un villaggio isolato; la fine della Neoavanguardia; il sessantotto; la tragedia di Moro …

Le ultime pagine sono dedicate a una “visione escatologica”, aperta alla speranza e alla luce, frutto di un credo costruito sul campo, giorno dopo giorno, in perenne ricerca di certezze adatte a dare senso e dignità all’umano cammino. Scrive, infatti, Orlandini: “Non avranno valore i progressi della scienza e della tecnica, pur strepitosi, ma che si sono rivolti, tante volte contro l’uomo stesso. Avrà valore… il perfezionamento nella sfera spirituale e umana; per l’instaurazione di un mondo di giustizia e di pace, e anche di fraternità nel segno dell’origine comune e del comune destino”.

Il libro di Franco Orlandini convince: invita a riflettere e a interrogarsi. E lo fa con un linguaggio elegante, comprensibile e in piena sintonia con la sostanza del libro.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza