Servizi
Contatti

Eventi


Presentazione di
Medioevo
di Rossano Onano

saggistica

la Scheda del libro

Stefano Mazzacurati
Psichiatra e scrittore – Membro dell'International Pen Club

Tempeste di cartone

Già dal titolo – troppo breve e semplice per non costituire una trappola – occorre essere guardinghi, come quei gendarmi che, appollaiati sulle torri di avvistamento – in territorio matildico una è proprio chiamata Guardasone – guardavano in giù, verso la valle, per individuare in tempo sospetti avvicinamenti di truppe.

Come si può, infatti, ridurre il Medioevo a questi due fatterelli, episodi che, pur nella loro dignità,

non rappresentano strati di storia spalmati lungo secoli di cui si discutono i confini? Inoltre, i due poemetti, Neve alle Moiane e La tempesta di Moriano, la prendono da lontano, assumendo come correlativi oggettivi due elementi atmosferici. E' lì che si comincia a capire qualcosa, tempesta di neve, dunque, questo Medioevo pret-a-porter in scatola di cartone, che pretende di usare una sineddoche, l'illustrazione di tutto un periodo estraendone due piccolissime parti? Uno degli episodi, Neve alle Moiane, è poi una leggenda.

L'altro, un confuso episodio storico. Persi nella nebbia della tempesta di neve, soffusi dalla poesia che sceglie l'ottonario ariostesco, i fatti celebrati e i personaggi, sembrano ritagliati nel cartone, o emergere dai teatrini di quel puparo che è Rossano Onano, storico raffinato e conoscitore del pensiero per professione. Nasce un ritmo da Corriere dei Piccoli, (Il signor Bonaventura...), glorioso giornale che spesso recava figurine, storiche, sportive, da incollare e ritagliare. Insomma, un cartone animato. Di quelli – i giapponesi insegnano – dove la linea precede la sostanza e il barthesiano Impero dei segni applica una cifra leggendaria quando si parla di cronaca e, viceversa, reale quando le figure di una leggenda emergono più vive che mai. Tra queste, la contessa Dorilla, maledetta abitante di un paesaggio che si introduce fin dalla prima strofa tetro e nero, nel terrifico maniero, e, più oltre, tramite personaggi al servizio (muta di amanti...giudei... briganti).

Sospesi tra i bravi di Don Rodrigo o forse più, dell'Innominato (il Nibbio sì che ci sapeva fare, il Griso giocava in provincia...) e Orazio e Gaspare al servizio di Cruella de Vil, da noi De Mon; tra i tabù del giudeo e il brigante Ninco Nanco, eccetera; la stessa contessa (chioma folta e rossa e piega nera del viso) svelano un progetto un poco rodariano che allude all'infantile ma per questo è profondamente serio come Barbabianca e Barbarossa del grande poeta Premio Andersen: noi siamo fatti di fiaba. Ecco farsi testimoni a difesa di Don Chisciotte di Cervantes, il Calderon de La vita è un sogno, lo stesso Shakespeare della Tempesta (appunto, la tempesta) come a dire sì ma i buoni sono così buoni, e i cattivi tanto cattivi non sono mai (Loredana Bertè).

Infatti, non è nostalgico il diritto della contessa di tornare bambina e avere la sua messa di Natale? No, non si può, e allora me la faccio da me, e allora tiè un serpente che ti esce dalla coppa e sprofonda i cattivi di turno nella voragine di Spineto... Come, del resto, accade a Enrico Imperatore dalle Terre d'Alemagna, quando a Moriano Alle mura del castello / batte l'aquila imperiale / una volta e due le tenta / con i rampi e con le scale / … Ma siamo sicuri che il santo Anselmo sia meglio dell'orrido Rangerio?

Tra il sangue intossicato del primo testo e il corrusco sangue del secondo il Medioevo di Rossano Onano ci offre una testimonianza limpida di amore per la storia e un'alta prova di stile.

Che dire poi dei quadri di Paganelli? Pietro è un genio, non so se piccolo o grande, ma capace come pochi di riassumere in poche macchie di colore sospeso tra ampie campiture il senso della fiaba, della leggenda, del mito. I personaggi umani, gli animaletti, le citazioni architettoniche, trasmettono la luce di una sintesi eidetica che si fa sintetica enciclopedia del mondo. In qualche cartone, appunto. Se poche sono le parole per descriverne le intense evocazioni oniriche è perché Paganelli va guardato, come Onano va letto.

Non si sa se il poeta presta le parole al pittore o il pittore commenti il poeta. Penso nessuna di queste due cose, perché nella tempesta di neve di questo cartone, due altissimi artisti ci offrono la speranza che qualcosa, oltre i twitter e le app, sì qualcosa si muova ancora dalle profonde e oscure regioni del cuore.

Grazie, amici.

Materiale
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza