Servizi
Contatti

Eventi


Il Canto stonato della Sirena. Racconti di una città smarrita

sololibri.net

Napoli si racconta attraverso la voce velata di Monica Florio, che con l’occhio tipico del giornalismo, unito ad una profonda sensibilità per la realtà sociale e per il non-detto, fa emergere dal fondo, che poi tanto fondo non è, l’essenza di una città nella quale, oltre alla dimensione superficiale popolata di feste, piazze e Pulcinella, si nasconde il volto di chi non urla ma c’è. A Napoli per sopravvivere bisogna urlare, gridare e sgridare, fare a gomitate, correre, imporsi, fare finta di saper comandare, prima che siano loro a comandare te. E con loro intendo la gente, il popolo, noi stessi, quelli con cui conviviamo e respiriamo l’aria piena di fumo e polvere che sale dalla terra partenopea, fatta di vento e fuoco. Ma non dimentichiamo che c’è anche il mare e i racconti del Canto stonato della Sirena, basati sull’emarginazione e sulla diversità, sotto tutti i punti di vista, psicologico, sociale e sessuale, non fanno altro che intonare perfettamente quello strano canto della nostra tanto amata terra madre: la Sirena Partenope.

E’ un canto stonato perché stonate sono le vite dei protagonisti persi e dispersi in oasi cittadine, alla deriva in acque nere da cui essi risalgono, fradici e sporchi senza mai però annegare. Non urlano, non si dimenano, eppure sono lì, nel lento fluire della vita così rumorosa e piena di sberleffi e risate ironiche che ad essi sono riservate: perché i diversi diventano marionette nelle mani di chi si crede migliore di loro. In un clima narrativo, dove è la presunta normalità a scontrarsi continuamente con la diversità in tutte le sue forme, la marionetta diventa il simbolo della potenza del volere altrui e dell’incapacità di essere normali.

“Se c’era un po’ di genio in lui, allora era rimasto ingabbiato nel corpo di una ridicola marionetta, incapace di esprimersi se non attraverso suoni disarticolati e incomprensibili.”

Queste parole presenti nel racconto “La marionetta impazzita” mettono in evidenza l’incapacità del protagonista di essere come chi lo circonda, perché con delle diversità fisiche innegabili, che denunciano l’egoismo e la superficialità con cui gli altri s’impongono, a cominciare dalla madre che sembra sorda e instupidita da una volontà cieca che pretende una normalità dal figlio che non può esistere. I diversi, o quelli che vengono a volte considerati tali, vivono in mondi che appartengono solo a loro, si nutrono e si cibano dei loro stessi sogni e speranze, e quando per obbligo o per necessità, si affacciano timidamente, dietro il muro del loro rifugio, ciò ci di cui hanno bisogno è soltanto di non perdere la loro dignità.

Sullo sfondo s’impone la Napoli eterna, imprigionata nei suoi colori, odori e sapori incastrati nei vicoli e nelle strade di ogni dove, mentre si spoglia e si strucca, mostrando, attraverso la mano sottile e delicata di chi la guarda con attenzione senza voler giudicare, il suo volto più nascosto, quello che gli altri fingono di non vedere. Ciò che emerge in tutti i racconti è la consapevolezza dello smarrimento in cui i personaggi, uomini e donne, sono intrappolati proprio perché soli. La signora solitudine s’impone padrona delle loro esistenze quotidiane e sociali rendendoli certi di non poter essere compresi, almeno fino a quando un barlume di speranza non fa capolino anche nella notte più nera.

La scrittrice dimostra di aver guardato e di averlo saputo fare, un po’ come fa la fotografia dei grandi geni dell’arte. Ha saputo cogliere i tratti della vita seppur perduta e spezzata, e li ha resi umani perché li ha compresi nella sua non facile totalità. Mi auguro che anche voi facciate altrettanto: io almeno ci ho provato.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza