Servizi
Contatti

Eventi


Nome emergente nel panorama attuale della poesia italiana è quello di Venero Scarselli, vincitore e segnalato in premi letterari nazionali in questi ultimi anni. Si tratta di un uomo che a una cultura umanistica ha abbinato per un certo periodo della vita la ricerca scientifica e gli esiti si sentono nel suo fare poesia che è sempre spietata analisi dell'uomo e dei suoi sentimenti, nonché ricreazione (spesso nel verso della deviazione finanche verbalmente violenta) con un dettato che seziona, scarnifica e distrugge la parola per poi rigenerarla imperiosamente.

Dal primo testo del 1988 (Isole e vele), Scarselli è passato a una produzione battente e pressoché annuale con libri che hanno lasciato stordito il lettore (Pavana per una madre defunta, 1990; Torbidi amorosi labirinti, 1991; Priaposodomomachia, 1992) e fatto di lui l'alfiere di un mondo sotterraneo di sentimenti e risentimenti gridati in un' ansia quasi distruttiva, salvata però dalla volontà di riscatto. In lui (nel suo poetare) sono presenti le dimensioni oniriche e demoniache ed è come se volesse arrivare a comprendere le radici del male dell'umanità senza dimenticare l'opzione del peccato.

Poesia, quindi, con un sottofondo religioso, anche se spesso la violenza delle parole pare volerlo distruggere. Poesia, in questo senso, quasi cannibalesca e non priva di una mistica epifanica.

C'è un inseguire l'amore che prende, che si scorge anche nei versi più enigmatici e conturbanti. Scarselli, infine, nel suo libro Eretiche grida (NCE, Forlì, 1993) pare aver trovato una dimensione più composta, equilibrata, e significativamente scrive nel sottotitolo: "Da un manoscritto rinvenuto in una grotta del Monte Athos". Proponiamo, dal succitato più recente lavoro del poeta, la composizione LXI...

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza