Servizi
Contatti

Eventi


Da questo mare

Il dialogo col sacro in Stefanoni talmente profondo e sentito da farmi parlare di poesia devozionale al punto che potremmo togliere titoli e indicazioni fino ad ottenere un lungo meraviglioso poema. In esso la speranza nel Cristo presente ad ogni angolo di strada primo fra gli ultimi, luce nelle tenebre.

Noi siamo il luogo pellegrino su tutta la terra…destinato a mostrarsi senza riconoscersi. Il male urla forte ma la speranza urla ancora pi forte…e gli uomini intrappolati dalla paura, dall’ansia di vivere non trovano la forza di alzare lo sguardo verso la luce, restano legati ai fatti, alle storie, inermi di fronte alla grandezza del sacro. In questo libro parlano le persone, parlano i luoghi e sono accorati richiami alla speranza, alla luce che ci sfiora e mostra la via mentre intorno l’indifferenza copre il mondo di un manto di cenere. In Navicelle (pag.53) si avverte questo richiamo alla forza che rompe ed esalta le solitudini fino ad aprire il cuore e qui l’essenza di tutto il libro: non piegarsi ma procedere in simbiosi con quel TU che tanto spesso appare, quel TU che poi siamo noi smarriti nelle strade e nel mondo.

Un libro profondo, intimista ma nello stesso tempo un grido che si modula sulla voce della preghiera implorante perch Dio ascolta, Dio c’… E’ questa certezza sfolgorante che travolge il dubbio e ci sospinge verso l’Altro: solo l’amore e la condivisione possono spazzare via le ombre, fare luce.

Firenze, Dicembre 2014

Recensione
Literary 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza