Servizi
Contatti

Eventi


Cntame, nona

Poesia. Nell’affrontare testi dialettali si deve tener conto della trasposizione dalla lingua orale a quella scritta, con le inevitabili differenze di realizzazione oggettiva. A parte la fonetica che, spesso non facile da riprodurre, incide sul linguaggio di una determinata area linguistica.

Si dice che per scrivere in dialetto occorre pensare in dialetto. Ora, di fronte a questa raccolta, ricca di riflessioni, di immagini e indubbiamente anche di una sua filosofia, simile premessa torna a proposito. Riduttivo inoltre sarebbe ritenere il dialetto – che ha le sue regole come una vera e propria lingua – un modo espressivo limitato solo a certi temi, mentre qui abbiamo la dimostrazione che in grado di affrontare qualsiasi tema, con un aggiornamento, se cos possiamo chiamarlo, pure sotto il profilo lessicale, per esempio nuovi vocaboli.

Indubbiamente rimane quell’aura ‘locale’ che caratterizza i testi, con la consapevolezza che il mondo si trasforma (Vcia ostara pedemontana), e se accade che sia in peggio dipende dal non saper utilizzare le tecnologie relativamente alla loro reale funzione senza farsene dominare. Dimostrazione ne sia che una composizione breve qual Se inpra attraverso la visione di una natura sconfinata si entra persino in una metafisica non da trascurare.

C’ poi una lirica ‘curiosa’ (Bilinguismo) ove si alternano italiano e dialetto; d’altronde un certo aspetto traslato riconoscibile in Domnega sginfa, ma alla fine dobbiamo intuire il fondo di una realt che il dialetto riesce a riportarci integralmente, mettendo l’essere umano davanti alla concretezza delle cose: “Tuto ’l resto va in mona | e no conta un bel gnente” (Orma, sanpga, inpronta): in tal caso diviene una lezione di vita.

Recensione
Literary 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza