Servizi
Contatti

Eventi


Il mio Pinocchio

Poesia. I poeti antichi disponevano solo della nuda parola. Oggi un poeta dispone di strumenti tecnici sempre più raffinati per esprimere anche in tal senso le sue scelte e quelle sfumature di tipo creativo e visivo che definiscono lo stile.

Ovviamente la sola tecnica non può sopperire all’invenzione, o all’estetica, che in campo poetico sembra voler riservarsi l’ultima parola. E proprio in Montalto questa capacità di aderire a più linee esecutive si rileva nello stesso linguaggio, dove l’aspetto figurato si traspone in quello figurativo, e ambedue formano l’unità inscindibile dell’io, anche nelle diverse tematiche.

Lo spunto dal libro di Collodi ne ripropone una ri-lettura che trova nuove angolazioni ed esercita la forza dell’origine in una scrittura sempre mobile, poiché sollecitata dalla ricerca che in letteratura non deve mai venir meno. Da qui si arriva ai contenuti. Ogni composizione delimita e nello stesso tempo amplia la cognizione del rapporto tra l’individuo e il mondo.

Ci si chiede anche, in sostanza: se l’essere umano si lega al mondo, dopo che rimane? E Montalto riesce a istituire un estro spesso straordinario, poiché tiene conto di vari elementi e li connota con la sua personalità. Lo scavo quindi va oltre le apparenze, e la leggerezza di certi toni, supportati per esempio dall’asindeto, arriva là dove le apparenze finiscono.

Pur se la densità linguistica tende a rapprendersi per via dei significati, rimane la trasparenza tipica di un dettato che non vuole ridursi solo a emblema, ma superarlo identificando la sua realtà. Il percorso può essere lirico e interiore, come l’adattarsi ai quattro elementi che non pochi musicisti hanno ispirato, generando così un ritorno che non è restaurazione, ma riproposta dopo le estreme avanguardie, in una limpida sfera di sentimenti e immagini, per quanto memori di oscuri scenari.

La parola, come scrive l’autore, “nasconde sempre qualcosa e trattiene ciò che dice”. Questa è una possibile chiave del fare poesia, una chiave che apre le misteriose porte del pensiero.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza