Servizi
Contatti

Eventi


Il Vantaggio del Dubbio

Poesia. A parte la nota in quarta di copertina e una succinta biografia, per affrontare questo consistente volume di liriche ci si deve basare sulla parola, che è poi l’essenziale. Sgombrando subito il campo da eventuali precisazioni, ci troviamo di fronte a una poetica assoluta, che vive all’interno di una sfera creativa personale, al punto da evitare riferimenti di qualsiasi tipo che abbiano attinenza con una storicità, salvo evidentemente il linguaggio collocabile in una determinata epoca.

Si deve dire: è poesia pura, senza se e senza ma. Quindi la sua funzione, e di conseguenza anche una certa validità, va ricercata nel percorso di composizioni che vivono di vita autonoma, ancorché collegate da un filo stilistico. Ne deriva perciò una tendenza metafisica, che incontriamo in qualità di evento poetico.

Se già la prima poesia rappresenta una traccia che riconduce al titolo, la speculazione interiore, ma senz’altro rivolta ai fenomeni della realtà, induce a seguire quel percorso che, rinnovandosi, rimane però nella sfera di tempo non tempo. Quando il poeta asserisce che “l’ordine delle cose è anch’esso un’idea” crea un dato fondamentale entro cui muoversi in senso critico. Prendiamo un tema qualsiasi, quello ‘astratto’ della musica, che incontriamo in pochi casi: essa è per l’anima, il che rientra nell’insieme concettuale dell’autore; oppure può trasformarsi in danza, perciò in un movimento che si concretizza; o risultare un eco, per attingere alla nostra attenzione; o espandersi sino all’identificazione. Non si dimentichi che anabasi ha più significati, tra cui quello ascendente nella musica.

Questo è un solo elemento, ma tanti altri ve ne sarebbero. L’apertura di uno spiraglio verso l’infinito rinforza l’impressione che si aveva all’inizio. Ci soccorre un’assenza, o quasi, per via del Dubbio, ossia la presenza di un dio: quando vi è, appare parziale. Alla fine si deve ammettere che l’uomo può disperdersi “nel suo stesso segreto”: un modo per comprendersi, e nel contempo capire il significato del nostro passaggio.

Per quanto ben definite nella loro identità formale e linguistica, tra queste poesie si va alla ricerca di un testo perfetto; se non lo è, si avvicina di molto La vita senza specchi: il sentimento di bellezza che viene trasferito nella scrittura riveste un’importanza decisiva allorché si tratti di fare poesia: l’eleganza può coniugarsi al pensiero, un connubio che si intravede raramente, ma è qui pienamente realizzato.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza