Servizi
Contatti

Eventi


Tra un pensiero e l’altro

Poesia. Con piacere apprendiamo che esistono critici che fanno le orecchie ai libri, segno delle ‘tappe’ in un percorso di lettura. È indubbio che le poesie della Dzieduszycka impongono queste pause riflessive, sopra tutto per la particolare densità dei significati pur in una scrittura essenziale e pressoché priva di asperità linguistiche.

Il comporre poesie è uno dei compiti più difficili, se non si vuol cadere nell’ovvio. Già il titolo si impone: tra un pensiero e l’altro cosa c’è? Verrebbe da considerare il non detto, quella parte che non si rivela ma si intuisce, almeno a chi è dotato di una certa sensibilità.

La forma, o meglio le forme, in cui la poetessa si esprime, si fonda sull’economia dei mezzi, una punteggiatura sobria, il punto fermo alla fine di ciascun testo e il punto interrogativo che rientra nelle osservazioni suddette. Gli interrogativi quindi si moltiplicano mostrando il fondo di una concezione individuale nel rapporto con il mondo esterno.

Esistono allora più mondi? e quello interno è forse più significativo? L’essere diventa esteso oltre il fatto corporeo, ma il dubbio permane sino alla fine, il dubbio insieme all’errore che nasce dalla certezza. L’idea sfugge e la dimensione che ci contiene appare lontana: questo concetto della lontananza è un altro dei caratteri che distinguono la raccolta.

Se poi si dovesse puntare sulla inventio incontriamo l’immagine inedita di insetto pensiero: le parole potrebbero diventare cose, ancorché si possa spingere il livello creativo fino alle estreme conseguenze. Il presente pone sfide inderogabili per chi, come Edith, intende scendere laggiù e comprendere prima di esercitare un eventuale potere.

Essa ci chiede quale musica: forse il suono originario. E quale poesia: forse la parola primitiva derivata direttamente dall’oggetto. Dove altri non arrivano si trovano le cose senza nome: ecco, se esiste uno stile che crea un equilibrio tra materia e senso, pur con le dovute oscillazioni, probabilmente sta per realizzarsi.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza