Servizi
Contatti

Eventi


L’ultima fuga

Poesia come in-canto della realtà

Le situazioni e i gesti quotidiani assumono il valore di simboli eterni della condizione umana: l'infanzia e i suoi miti, la terra di origine e il conseguente senso adulto di sradicamento, la solitudine, il silenzio, la memoria che vivifica il motivo del ritorno, il dolore profondo di donna, l'incomunicabilità temuta e svelata nel grido. Tuttavia, il tema dominante è l'amore che a partire dal vissuto personale si sublima e spazia in tutte le sue significazioni: l'amore passione, l'amore per la poesia e la Bellezza riconosciuta nell'arte ma anche in ogni angolo semplice e nascosto del mondo, l'amore declinato nelle voci plurime della solidarietà, l'affetto per gli amici, per i genitori, la propria terra, per il Divino, costantemente in un'ottica di superamento di sé nell'Altro; infatti la ricerca della condivisione-comunione è la spinta propulsiva al vivere e allo scrivere di Daniela. Pregevole è a tal proposito il linguaggio, insieme letterario e nobilmente popolare, teso a fondere e a neutralizzare l'aulico nel quotidiano, alla ricerca di una sistematizzazione della propria sapienza esistenziale che attende di farsi Storia di se stessa.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza