Servizi
Contatti

Eventi


Elegia provinciale

Il dato che con maggiore prepotenza emerge dalla prima lettura di Elegia provinciale di Giancarlo Micheli è la paroleria culta: la koinè del narratore. La lingua alta rifluente in uno stile alto è tutta la materia prima di un Kunstwollen in cui lo scrittore si fa, perché lo è, artifex.

A una seconda lettura, la lingua del narratore rivela però una profondità inattesa. Non è infatti una lingua cortocircuitante né il narratore è prigioniero di un immedicabile narcisismo. Questo narratore dittatoriale è “illuminato” perché componendo la scena linguistica fa di sé un medium per inventare la lingua del personaggio.

Non una sola lingua, quindi. Molteplici le lingue di Elegia provinciale. Anzitutto, il discorso libero indiretto, l’oratio obliqua attraverso cui già si distingue un narratore secondo. A differenza del primo, l’estensore del nudo récit, il secondo entra, forte in coscienza sociologica e invidiabile in vocazione antropologica, nel pensiero del personaggio. Tra il récit oggettivo e la semi–oggettività (o semi–soggettività) del discorso libero indiretto (sempre in stile sublimis), Micheli gravita in un rango linguistico italiano. Suo allora un duplice lavoro, aggregare la libera lingua della narrazione alla lingua pensata del personaggio: è il superlinguismo del narratore.

Ma c’è tanto di più nell’Elegia, come tanto di più c’è nell’artifex che narra le provinciali elegie del maestro Giacomo Puccini. Alla formidabile, e ulteriore, presenza di una texture eurolinguistica occorre infatti annettere un nuovo dominio del narratore. Non una lingua, ma più lingue concorrono a espandere l’attribuzione superlinguistica. È una via, questa reagente entro l’eurolingua, in cui il superlinguismo del narratore (récit, discorso libero indiretto) germina in lessico transnazionale: inglese, francese, tedesco, spagnolo, greco antico e latino.

E in ibridismi linguistici ancora più affascinanti, le versioni mescidate: anglo–francese, franco–inglese, ispano–inglese, franco–tedesco, anglo–italo–francese. Ma il primato del pastiche non sarebbe completo se non annoverasse un primato verghiano o di suoi illustri epigoni, Gadda e Pasolini, la lingua del personaggio o il discorso diretto: il vernacolare come ultimo tassello del pastiche. In terza lettura, tra le classi sociali basse e alcuni personaggi tra le alte, si fa strada una texture dialettale o il discorso diretto, che completa la già eccellente capacità di scolpire l’indiretto libero.

E che è dire quanto Micheli renda il pensiero dei personaggi e renda, etnolinguista di talento o pasticheur, la loro parola, in una voluta linguistica in cui il sublimis del narratore coabita con il piscatorius del personaggio, e in cui oltretutto l’inventio non si dà se non alla luce di un’eccellente capacità di variatio.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza