Servizi
Contatti

Eventi


Rosmunda, Elmichi, altri personaggi di Evo Medio

Di professione medico, l'Autore ha pubblicato, a partire dal 1985, diverse opere di poesia, spesso premiate, come la presente, che ha avuto il Premio Laboratorio delle Arti 1990.

Il libro evidenzia uno spirito ironico e mordace, acuto e penetrante, con atteggiamenti volti a demitizzare personaggi autori versi classici, un gusto o inclinazione a demolire gli “intoccabili”, frantumare gli eroi costituiti. Dai versi traspare la tendenza al sorriso, allo scherzo, al fantasticare e comunque al velare i contenuti.

E' una poesia vivace e razionale – lontana dal carattere evocativo o elegiaco – in cui emergono il dato culturale e gli elementi della realtà. La visione delle cose è del tutto disincantata personale e moderna, freudiana la concezione della donna, terrena e non più idoleggiata l'interpretazione del reale. Autori quali Petrarca, Foscolo, Vico citati per giungere alla contestazione di un pensiero e di un sentire non molto condiviso.

Trama e struttura, ispirazione ed espressione sono di tipo sperimentale, lontane dalle linee tradizionali, e gli schemi logici comuni vengono ignorati. Il testo risulta perciò di ardua interpretazione. Il verso è ampio. Il linguaggio discorsivo, quasi vicino alla prosa, molto concreto e realistico, a volte risente della professione dell'Autore.

Forse non congeniale ad ogni gusto, è un libro positivamente moderno.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza