Servizi
Contatti

Eventi


Affari di cuore

L’ultimo libro di Paolo Ruffilli Affari di cuore, edito dalla Casa Editrice Einaudi, tratta esclusivamente dell’amore. Il tema non è nuovo per Ruffilli, anzi, già la sua prima raccolta Piccola colazione, pubblicata da Garzanti nel 1987, parlava d’amore. Si trova inoltre in altri volumi, compresi quelli di narrativa. Ciò che differenzia quest’ultimo lavoro dai precedenti, soprattutto dal primo, è il tono con il quale il poeta affronta il sentimento più importante per l’uomo. In Affari di cuore è escluso qualsiasi approccio romantico. Ruffilli, ormai maturo, con la sua consapevole esperienza affronta il “corpo a corpo”, rilevando tutte le possibili sfaccettature dell’unione carnale, comprese le conseguenti implicazioni psicologiche.

Il suo inconfondibile linguaggio poetico si avvale di una stesura dinamica dal verso breve e ricco di musicalità. Le rime si susseguono accompagnate dall’uso frequente dell’enjambement, così da creare un ritmo continuo, a volte assillante, a volte sincopato, ma sempre coinvolgente. Ne risulta un’apparente leggerezza poiché, al contrario, rendere leggero un dettato è compito molto arduo, e abbisogna di una profonda conoscenza del mestiere.

Il libro è suddiviso in quattro sezioni che delimitano tempi diversi (Per amore, Canzonette della passione amara, Guerre di posizione, Al mercato dell’amor perduto). In questo modo Ruffilli ci offre una disanima esauriente sul tema, rendendoci partecipi del complesso rapporto uomo/donna; individui sostanzialmente diversi che tentano di creare un tutt’uno nell’atto d’amore, ma che spesso si ritrovano soli o addirittura in uno stato di guerra conflittuale. In quest’ultima condizione l’amplesso si fa più urgente, a volte sfiora la violenza: “Sono tornato solo | per morderti e graffiarti | e per colpire | a schiaffi e pugni | la tua carne | e farti usare | infine su di me | le unghie e i denti.”. Ma è solo uno sfogo per placare una sofferenza interiore.

Ogni rapporto, seppur solo carnale, suscita infatti una miriade di percezioni che inevitabilmente producono reazioni. Nella ricerca del possesso vi è forse il bisogno di completare la nostra parte mancante, pur nella consapevolezza che l’altro non sarà mai nostro, anzi, può persino fingere o addirittura pensare ad altra persona.

In Affari di cuore, Ruffilli ci prospetta tutte le possibili varianti. Perciò, come detto all’inizio, pur affrontando solo il rapporto fisico, non può evitare il riflesso emotivo che tale rapporto suscita. Sono emozioni forti, proprio perché alimentate dalla passione, dal desiderio. Di conseguenza nascono ansie, dubbi per possibili tradimenti e per paura di perdere il corpo bramato.

L’uomo si rivolge costantemente alla donna, ma non è un colloquio bensì una confessione del “sentire”, dalla quale emergono altresì un senso di rivalità e una certa ironia. Nell’assieme, il libro crea una continua instabilità, un battere e un levare secondo lo stato d’animo, alti e bassi che si rincorrono nel rigo musicale creato dalla metrica.

Solo nella quarta sezione il tono si ammorbidisce per dare spazio a momenti di riflessione, e spunta ogni tanto il valore del sentimento poiché l’eros da solo forse non può bastare, come si evince dalla lirica “Solo”: Sono stanco | di comperarti a peso | per ogni prestazione: | pensavo mi bastasse | questo possesso | mio di te, | della tua carne, | e invece | non so più che farne, | non mi soddisfa | e mi dà dolore. | Voglio tornare indietro | alla scoperta | dei primi anni, | al nostro antico amore.”.

Nel proseguimento del suo percorso, Ruffilli ci ha dunque regalato un altro libro prezioso, che evidenzia il suo valore poetico e la sua capacità di addentrarsi nei meandri dell’esistenza. Nel rivelare al lettore le numerose emozioni provate, lo rende totalmente complice.
Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza