Servizi
Contatti

Eventi


Il volume “Dell’Amicizia”, con il quale Maria Luisa Daniele Toffanin ha vinto il premio Venafro 2004, tratta un unico tema: la grande amicizia che legava l’autrice alla donna dalla “rossa criniera” (v. sottotitolo), purtroppo scomparsa. Il nome dell’amica è ignoto; è il colore dei capelli che la rappresenta nelle varie situazioni e nei diversi stati d’animo, ed è un personaggio in continuo movimento e ricco d’umanità.

La Daniele Toffanin, che per diversi decenni ha condiviso gioie e dolori con l’amica, ha potuto mettere in luce anche i particolari meno importanti ma lo stesso significativi della sua personalità, e lo ha fatto costruendo un andamento poetico dal costante afflato lirico; in questa atmosfera la protagonista rivive i momenti salienti della sua storia. I versi scorrono fluidi, senza interruzioni, ed evidenziano il travolgente bisogno di raccontare, di delineare la straordinarietà dell’amica perduta, e nello stesso tempo il bisogno di lenire il proprio dolore con la catarsi della scrittura. Molto interessante il concatenarsi del dettato con parole-chiave riprese continuamente, che crea un ulteriore piacevole motivo fonico.

Il libro è suddiviso in due parti, composte ciascuna di cinque sezioni. Nella prima “Il nostro tenero tempo”, in un’ambientazione della campagna veneta, vi sono i momenti iniziali, gli accadimenti gioiosi, i ricordi scolastici, i sogni; nella seconda “Il nostro tempo maturo” si trovano prevalentemente immagini di Padova: spazi urbani ed interni dove le due amiche hanno vissuto gli anni più importanti.

La donna “dalla rossa criniera” resterà sempre nel cuore dell’autrice: “Lei mi rivivrà ogni momento | come in un’infinita primavera”, e questo poema dell’amicizia è un dono d’amore che l’immortala.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza