Servizi
Contatti

Eventi


Semi di senape

Come preziose miniature Moghul, incastonati in una controllatissima architettura letteraria, vanno in scena e prendono vita i racconti dal vero di Angela Ambrosini. Racconti brevi, talora brevissimi, eppure spazianti e vastissimi: così simili a quelle sofore rosa che l’arte sublime del giardiniere giapponese riesce a contenere, alte appena qualche centimetro, in una ciotola di porcellana di Hizen. Ma l’immaginazione che le contempla, le vede, in un variato universo proporzionale, come sono in realtà: alberi immensi.

E proprio un quotidiano differente, dilatato fino ai poli estremi del fantastico, costituisce il fondu della raccolta, che colpisce per autenticità di pronuncia e per acutezza di sguardo; così come colpisce la tensione, l’ansia di penetrare il mistero del mondo, sospeso nell’effimero perpetuarsi dei giorni.

Per il tramite di una scrittura ricca e innamorata del destino dei personaggi, quasi sempre solo accennati – e, per il tanto, portati a compimento dal lettore – per il tramite di una tessitura mobilissima, di un costrutto setosamente in verticale, Angela Ambrosini riesce a creare – per dosazioni e alternanze, care a Buzzati e a Borges – inquietantissime vertigini di fronte a realtà parallele: possibili in virtù di una maestosa abilità comunicativa.

Un libro prezioso, un’autrice straordinaria.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza