Servizi
Contatti

Eventi


Sinfonia per San Salvi

“Il percorso lirico di Roberto Mosi, poeta affermato dalle innumerevoli raccolte pubblicate, comprende itinerari in versi che si rispecchiano nella tecnica fotografica consolidata da anni e proposta in Mostre macro tematiche dalle studiate ispirazioni.

Gli scatti si declinano a catturare gli accenti narrativi ed icastici delle sintassi liriche per evidenziare immagini che includono valenze simboliche nell’imprescindibile dialettica riflessiva tra reale e ideale, passato e presente nella rivisitazione di tracce e gesta storiche che segnano la cultura del territorio, nella compenetrazione tra veridicità ed istanze mitiche.

La messa a fuoco del diaframma fotografico nella ricezione riproduttiva della luce stigmatizza, nei trapassi tonali in bianco e nero o nella varietà delle cromie, tagli ed inquadrature che dichiarano l’alleanza con la fenomenologia dell’esistente nel rapporto uomo-ambiente sublimato dall’anelito lirico, richiamando l’ancestrale contenuto mitico che confluisce nella figura paradigmatica di Orfeo, cantore dell’estasi naturalistica tra dionisiaco ed apollineo.

Il ruolo di poeta-fotografo, nei suoi riverberi introspettivi, viene esercitato da R. Mosi grazie al suo carisma di reporter degli habitat naturalistici nelle sue valenze storiche, evocative di reperti ed eventi che rivelano l’anima dei luoghi e si riflettono nelle stampe fotografiche dai significativi echi sensoriali e mnemonici propri delle Arti visive.

La fotografia nella sua rappresentatività iconica conserva nel processo visivo la ricerca insita del tempo di posa, luminosità del soggetto, ricerca del dettaglio o dilatazione panoramica, oggettività o dissolvenza dei dati, accostamenti analogici studiati, nella magia della chimica della pellicola.

L’illustre Henri Cartier Bresson, uno dei più noti fotogiornalisti del secolo, parla della fotografia come mezzo per catturare il “Momento topico” nella sinestesia di testa, occhio e cuore... Roberto Mosi, sensibile e propositivo artista, si avvale di questa tecnica per documentare il crogiolo delle sue indagini liriche secondo gli accenti esistenziali che ne scaturiscono, verso ascesi antropologiche e sapienziali del Mito, tra Natura e Storia.

Alto e democratico è il valore della fotografia nell’Era globale per l’accessibilità condivisa dell’immagine ai tempi del digitale e multimediale, con l’augurio che diventi sempre più depositaria di un’etica solidale nella conservazione del sentimento edificante della Bellezza.”

23 settembre 2020 sul Blog “poesia3002”

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza