Servizi
Contatti

Eventi


Lord Glenn. L’anima di Byron nel cuore di un cane

La scrittura di Brina Maurer è sempre creativa e personale, ma ha in più uno slancio di fervore in questa sua nuova opera, così varia e ricca di modulazioni, di sfumature di colore, di riflessioni, di giudizi, fino al trionfo finale, pieno di letizia, di conquista e di fiducia. Una prova della piena maturità umana ed espressiva.

Con la freschezza già dimostrata nel precedente romanzo della trilogia del “Ciclo di Glenn”, l’autrice ci conduce di nuovo dentro il labirinto psicologico della storia di una protagonista che si specchia nell’alter ego di un fantastico, simbolico cane, reincarnazione di Byron, ed è il ritratto a tutto tondo di chi cerca le ragioni autentiche della propria vita, al di là delle apparenze e delle ipocrisie.

Con Lord Glenn Brina Maurer ha scritto uno spaccato della condizione esistenziale moderna, raccontando con sottile analisi psicologica e suggestiva capacità di ritratto il possibile superamento delle difficoltà della vita e dei rapporti quotidiani tra gli uomini.

Con la sua doppia vista di narratrice visionaria e di anticonformista poeta dei riscontri reali, trascina il lettore dentro questa trama intrigante che, mentre racconta con suspense la storia dei suoi protagonisti, rivela inediti risvolti esistenziali decisivi per la felicità della vita. Dentro un ulteriore elemento trainante, insieme veritiero e romanzesco: la necessità di scoprire se vi sia una fondatezza nelle promesse che avvolgono il mistero del mondo.

Forse il romanzo più libero, inventivo di Brina Maurer. La scrittura si dilata in una continuità mossa e riflessiva di grande incisività. È la rappresentazione della vita che è avventura, sogno, dramma, anima e teatro (come allegoria e come argomento), tutto congiunto e fuso. Un culmine di bellezza e di verità, nella piena originalità del discorso.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza