Servizi
Contatti

Eventi


Affari di cuore

Einaudi Commenti

Ho letto con grande interesse Affari di cuore di Paolo Ruffilli. Ha ragione Wittgenstein, che l’autore cita in apertura: la verità non è nelle cose, ma nel linguaggio. E in questo libro, più che mai, il linguaggio è metro della critica.

Le poesie di Ruffilli non sono carnali o peccaminose. Né semplicemente lascive o allusive. Piuttosto, descrivono l'amore, e il sesso, da una distanza precisa, favorita dalla lunghezza controllata, dal tono piano, dal linguaggio attento che le connotano.

C'è una sorta di esaurimento delle parole. Di morte naturale. I componimenti si chiudono, definiscono, sistemano. È un amore che ha gli stessi confini del letto per gli amanti. E le stesse, loro, posizioni.

Fatalmente, questa sintesi determina un giudizio, peraltro non tanto dell'autore (che ha affinità, complicità con la materia, ma non ne è mai sopraffatto), quanto del lettore. Il quale ha l'impressione, spesso, che le dinamiche amorose, così descritte, implichino un'inesorabilità di fondo.

C'è un regista che ha fatto della distanza la propria chiave poetica: Eric Rohmer. Ma in lui c'era una sostanziale, e lucida, crudeltà. Qui l'approccio è disincantato, ma mai estraneo, e non solo perché il protagonista delle vicende narrate è lo stesso che scrive.

Ne viene invece un impasto equilibrato, un'oggettività ordinata, in cui anche le apparenti rotture e riprese dei rapporti sentimentali, i pieni e i vuoti, trovano consequenzialità, presa d'atto, finanche resoconto.

Eppure, in questa geometria, emergono di tanto in tanto delle aperture, delle complicanze. Penso a poesie come "Paolo e Francesca" oppure a "La traccia". Che, anche per gusto personale, ho apprezzato particolarmente.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza