Servizi
Contatti

Eventi


Pagine. Sul filo sottile del tempo

"Pagine - sul filo sottile del tempo", ultimo lavoro in prosa poetica di Lilia Slomp Ferrari. Un tuffo nell'infanzia di Lilia, rivisitata con gli occhi della realtà, dei sentimenti provati allora, sull'onda del sogno, nella magia del ricordo.

Già il disegno (della figlia Daniela) in copertina, rivela l'importanza che la natura ha avuto, e ancora è vivissima, per Lilia, che parla con gli alberi, le farfalle, i fili d'erba, i fiori di tarassaco, le rose canine, che oggi non si trovano più “in gran quantità come in quel tempo lontano ma, quando questo mi succede, mi siedo ai piedi dei cespugli e provo a ricantare le filastrocche della nonna, sottovoce, molto sottovoce, per serbarne nel cuore il fascino e il segreto."

Da questo mondo incantato della natura, emergono i personaggi dell'infanzia di Lilia, fra questi, particolarmente caro, il padre, cui era legatissima: il fratello; l'incomprensione con la madre, di cui la bimba ha molto sofferto. Viene rivisitato anche il quartiere di Trento, S. Giuseppe, coi cortili del "Vaticano" e quelli dei "Casoni". Un'infanzia in cui si mescolano per divenire un tutt'uno, realtà fantasia, sogno, magia e un soffio di malinconia.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza