Servizi
Contatti

Eventi


Prefazione a
Alessia e Mirta
di Raffaele Piazza

la Scheda del libro

Valeria Serofilli

La poesia di Raffaele Piazza è basata su dati precisi e tempi e indicazioni esatte di gesti, cose dette e fatte. Si tratta di annotazioni, come se avessimo di fronte un diario. Quindi abbiamo, in modo indiretto ma suasivo, anche una riflessione sul tempo e sul suo senso, sul trascorrere degli anni. Se vale il detto a lui molto caro "ut pictura poesis" qui trova applicazione e nel caso della poesia dell’autore di tratta di una pittura esatta, piena di dettagli, di cose apparentemente lievi che però racchiudono un significato. L’impostazione dell’autore è basata sulla realtà. Forse anche la professione che svolge da anni ha in qualche maniera influenzato la sua scrittura. Inserisce anche nei suoi versi il chi-come-dove-quando. E il passo ulteriore, il più impegnativo, è quello di arrivare ad un perché, o almeno ad una ipotesi di spiegazione. In questo passo ulteriore consiste la sfida decisiva.

La silloge pubblicata in questo libro ha per titolo Alessia e Mirta. Si rileva qui un’altra caratteristica di rilievo: la figura femminile. Moltissime poesie dell’autore portano un nome di donna e sono dedicate al mistero delle loro vite individuali ma anche al mistero più ampio che è quello della vita. Due nomi di donna contraddistinguono il titolo. Due destini, diversi tra di loro, perché ciascuno ha il proprio destino, spesso strano, spesso beffardo o crudele. La poesia di Raffaele Piazza registra i vari anni trascorsi con queste persone, la frequentazione, i rapporti spesso complessi e articolati, tra affetti e amori, al confine tra questi due sentimenti.

I titoli delle varie poesie sono come didascalie scritte sotto una fotografia: descrivono l’attimo che viene raccontato e immortalato. Dietro il gesto in sé però c’è un mondo più sfumato fatto di sguardi e di parole, dette e non dette. «Nel jet azzurrità per Alessia / nel volare sulle nuvole / acquoree a pervaderla d’immenso. […] Giovanni / leggero occhi negli occhi / a sorriderle e a farla entrare / nell’auto per portarla / a fare l’amore». Si noti nei versi qui riportati tratti dalla lirica "Alessia vola sulle nuvole" l’espressione asciutta, quasi una cronaca delle azioni svolte, della sequenza dei gesti. La poesia nasce da alcuni vocaboli, si vedano ad esempio "azzurrità" e soprattutto "acquoree". Sono come pennellate su uno sfondo. Il senso, l’essenza, è nella descrizione della vita che trascorre e in ciò che forse resta, nonostante tutto. Nella ricerca di Giovanni, quel personaggio che una delle due protagoniste incontra sul proprio cammino e con cui condivide il mistero del tempo e dell’amore.

Significativa è anche la poesia dedicata all’altro personaggio femminile, Mirta. Personaggio chiave, per Raffaele Piazza. «Anima di luna, tu Mirta / nelle cose aurorali ancora / mi parli e mi dici di non / avere paura. / Abbiamo attraversato / il sentiero azzurro della vita / la tua villa faro per me / per la nostra connivenza. / Sei volata via dal terzo / piano della Reggia e hai / aperto in me la ferita. / Ora passano i giorni / senza te e non si ricompone / l’affresco del tempo che nelle / nostre risate si fermava nella gioia. / Grazie per avermi dettato / questa poesia».

Si trovano qui molti elementi interessanti per l’interpretazione della poesia dell’autore. In primo luogo questo personaggio che si colloca a fianco della protagonista Alessia nel titolo. In questo libro specifico le poesie dedicate a Mirta sono in numero molto inferiore rispetto a quelle dedicate ad Alessia. Di conseguenza fa riflettere la decisione dell’autore di dare pari dignità ai due personaggi nel titolo di questo libro. E fa pensare al grande ruolo che Mirta riveste nella poetica dell’autore. La prima definizione che la riguarda è "anima di luna", ma oltre alla dimensione per così dire spirituale l’autore evidenzia anche la corporeità che, a dispetto delle tragiche vicende biografiche che l’hanno coinvolta, persiste. Si tratta di una presenza ricorrente, sia per Piazza autore che per Piazza uomo. Ed è significativo il verso finale tra quelli citati poco sopra: "grazie per avermi dettato / questa poesia". Ci dice che il dialogo è sempre vivo e mai interrotta e se ne ricava che Mirta è la musa dell’autore. È lei che detta quanto scrive ed è lei che compone l’affresco del tempo.

L’analisi delle figure femminili determinanti per lui portano l’autore a riflettere anche sulla propria esistenza e questo conduce a considerazioni più generali che ci consentono di riconoscerci in lui, confrontando il suo mondo con il nostro e le nostre esperienze, sia belle che brutte con le sue. Ciascuno di noi ha nella sua vita una Alessia e una Mirta. La vita è fatta di queste presenze e di questi contrasti.

«Selenica Alessia lucelunavestita / nel senso fiorevole del mare /a contemplarlo. Infinita è la distanza / dagli albereti. Chiostra di monti / azzurrini.

S’inalvea la strada della / fabula per l’amato raggiungere / e fare l’amore. Tessuto di suono / d’argento di campane. Aria pura / nel bosco delle querce. / Tra le foglie Alessia si congiunge». In questa poesia gli accenti, toni e le parole si fanno più "liriche". Ma senza mai scordare anche qui la carnalità, la sostanza dei corpi e delle cose. L’amore per Piazza è sia spirituale che carnale. Gli esperimenti linguistici e le variazioni qui sono più visibili, come ad esempio il vocabolo composto "lucelunavestita" e l’aggettivo "fiorevole". Nel pensiero dell’autore c’è sempre la presenza del corpo che però serve per provare a vedere oltre. La figura femminile viene utilizzata da Piazza come bussola per il viaggio nella vita. Come punto di riferimento. Il congiungimento di cui parla la poesia sopracitata è appunto questa unione di corpo e mente che conduce ad una visione più ampia.

Questa raccolta ricalca bene i temi e gli spunti cari a Piazza, quelli a cui si dedica da molti anni nella sua produzione letteraria. Contiene però anche altri nuovi esperimenti e soprattutto riflessioni su senso e sul valore sia del passaggio umano sulla terra che sui rapporti umani, gli incontri e gli addii (che non mai veri addii) e sull’amore carnale e mentale, sulla vita e la morte. Una raccolta interessante e matura in cui, pur nella specificità delle immagini e dei ricordi, anche biografici dell’autore, il lettore può riconoscersi e trovare situazioni ed emozioni che gli appartengono e che lo riguardano nella sua vicenda personale ed interiore.

Materiale
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza