Servizi
Contatti

Eventi


Come un bruco assetato di cielo

Poetrydream

Marco Baiotto: “Come un bruco assetato di cielo”, in un elegante rincorrersi di testi dal rilievo scultoreo e dal ricamo della musicalità genuina.

“Il cercatore filosofo” (2000-2004) e “Il narratore cieco”(2000-2005) sono i due capitoli che offrono la variegata lettura di poesie, tutte incentrate nella soffice ed ampia significazione filosofica o nella immersione della memoria nel quotidiano fantasmagorico.

“Questo libro ci impone coraggio. – scrive Ivano Mugnaini nella prefazione – Ci chiede di mutare pelle e prospettiva dei nostri pensieri. Vuole che diventiamo bruchi in grado di guardare qualcosa che non sia più soltanto il nostro corpo e il baricentro che spostiamo di giorno in giorno, di anni in anno, ma che rimane, alla fine, sempre lo stesso.”

La culla dell’universo potrebbe sussurrare polvere di stelle, ma in contemporanea ci illumina per pensieri, parole, azioni che andiamo ad immaginare nell’intimo della nostra esperienza.

Le labbra in malinconico silenzio attendono di sussurrare illusioni per ricucire i ritagli del tempo. Il sorprendente illudersi dei ricordi ricuce figure e vetrine per un sottile incrostarsi delle pareti domestiche, ed i ritagli del tempo solcano inesorabilmente la pelle del viso.

Il poeta adagia il suo canto sul delicato sospiro dell’amore, quasi sempre con lieve accenno tra l’evaporato e il sognato, ove la sensualità viene appena sfiorata e decantata in aliti evanescenti.

Qui la parola, con le sue metafore, viene conservata e custodita per esprimere i sentimenti nella limpidezza o nella impalpabile tessitura del racconto.

martedì 22 gennaio 2019

Pubblicato in “Poetrydream”:

http://antonio-spagnuolo-poetry.blogspot.com/2019/01/segnalazione-volumi-marco-baiotto.html

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza