Servizi
Contatti

Eventi


“Questa raccolta di poesie – scrive l’autore nella nota – è il ritorno a Firenze, la mia città, per incontrarla ancora una volta nella sua bellezza, nelle contraddizioni di oggi, nelle speranze per il domani…”, quindi giorni di vita tra le meraviglie delle architetture, delle geometrie, dei luoghi, ed il sussurro degli affetti, delle parole, dei suoni che si affollano tra strade e contrade.

In effetti le “canzoni” che il poeta ricerca sono nascoste nelle chiese (Santa Croce, l’Annunziata, Santo Spirito) o tra gli angoli (il mercato dei cenci, la stazione, Piazza della Repubblica, i lungarni) e con esse e per esse la poesia entra in una raffinatezza letteraria, motivata nelle isocronie delle cornici e delle figure. Roberto Mosi ci invita ad una piacevole passeggiata per gustare – nel caso non lo avessimo già fatto da soli – quelle ricchezze che Firenze, unica al mondo, conserva per una storia tutta da raccontare e da mostrare. “L’anello dei viali | ride dell’allegria dei giovani | giunti dagli angoli del mondo | per dipingere il sogno della pace.” I versi hanno la fluidità delle brevi onde, in un ritmo tutto accattivante e personale, ove gioco e gioia suggeriscono un pittoresco corteo di illuminazioni, attraverso rimembranze o accadimenti, che segnano il passo che accompagna gran parte di questa esperienza. Profonde incisioni di luce si alternano a malinconiche realtà, tra il nostalgico e l’illusione.

Poetry Wave-Dream 13.04.09

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza