Servizi
Contatti

Eventi


Piove

L’uggia della pioggia.
Una primavera non ancora svegliata
assopita tra fiori di lill e peschi
sfioriti senza rilucere al sole
che fa i capricci nei pasticci
di stagioni senza pi connotazioni.
Davanti al camino le braci
si coprono di cenere.
Gemeva il ciocco guaiva il cane.
Tu dormivi,
la spalliera della sedia
appoggiata al muro. Fuori
le galline si affacciavano
all’aia, sbigottite nel cielo grigio
d’una pioggia senza fine.
Mia madre compariva sulla porta
e domandava a se stessa
che lavori poteva fare
con la pioggia che fermava tutto.
Per lei non esisteva il riposo.

Materiale
Literary 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza