Servizi
Contatti

Eventi


Tanta malinconia nella raccolta poetica Ai confini col gelo di Graziella Minotti Beretta. Il sentimento che affiora predominante nella sua poesia di una grande malinconia scaturente dal bilancio di una vita in cui, tra dare e avere, poco resta se non i ricordi che, come l'onda da lei tanto amata, negli anni di vita e la forza degli amori vissuti tanto profondamente da sentire il bisogno di aprire la raccolta con una serie di poesie dedicate alle persone care che non sono pi, prima, fra tutte, la madre.

Lungo il percorso poetico, la natura regna sovrana, una natura su cui lo sguardo si posa confuso e riconoscente e che riesce spesso ad addolcire le pene. S'insedia, piena di luce, in quasi tutte le opere: il torrente Cannobino "con la sua canzone antica", il rifiorire della terra "che rende leggera l'immane fatica di vivere", la coltre d'ovatta che "giace su riposanti acque", la stella che brilla "sull'onda incantata" e prati profumati di mughetti e narcisi e braccia flessuose di betulle. E, insieme, sbuffi di momenti sereni che tornano alla mente "scivolando lungo la rasura | interminabile della vita | a dissetarla". Quasi si avverte nei versi, motivo riccorrente, il riecheggiare dell'incresparsi di "colorite acque" nelle quali musica, profumo, movimento accompagnano, consolandoli, i suoi giorni; su di esse l'Autrice adagia le sue riflessioni cullandole o accompagnandole lontano a frangersi nelle pieghe dell'orizzonte. Riprende, Graziella, i motivi lontani dalla sua vita e, intanto, che ormai "scende la notte | sul cuore addormentato | che non si consola", "non c' pi tempo d'avanzo", "la parola non spesa si smarrisce" ed "la solitudine gi sfatta | dimentica d'appartenenza", ecco emerge la bellissima, l'ammaliante, la dolce Speranza vestita di lusinghe ad incantare con l'infinito nei suoi occhi di smeraldo. Si affaccia allettante tra le righe, con tra le mani le sue camelie rifiorite, gl sgargianti ribes e rose profumate.

Sono deliziosi i versi di Graziella Minotti Beretta, ricchi di immagini e fascinose metafore che si snodano insieme ai suoi pensieri. Il tempo passato, la vita volata. Nei giorni dell'oggi, in cui "raggela l'ora", restano, ad illuminare i suoi momenti di vita, due gioielli appena citati nella raccolta (prezioso pensiero conservato gelosamente nel cuore!): Sara e Annalisa, piccole, infinite gioie, a compensare il disincanto di una lunga vita.

Recensione
Literary 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza