Servizi
Contatti

Eventi


Coraggio e Debolezza. E' l'ultimo lavoro del giovane scrittore pisticcese Giovanni Di Lena, attento e sensibile osservatore della realtà quotidiana che lo stesso percepisce con un coinvolgimento emozionale totale, decodificandola in incontenibili formulazioni liriche, le sole che possono stemperare le punte accese dei rari entusiasmi e soprattutto delle insistite degradazioni umane. Nel porto quieto della poesia, Di Lena lenisce le brutture e le ferite esistenziali grazie al valore rasserenante di un pacato ed intimo colloquio, che si fa verso e voce dolente di quell'umanità operosa fortificata a sopportare con rassegnazione e spirito di perdono tutte le forme di violenza che ogni giorno conculcano l'umanità ingiustamente. Da questa sua naturale predisposizione recettiva sono nati in precedenza altri volumi: Un giorno di libertà (1989), Non si schiara il cielo (1994), Il morso della ragione (1996).

Per il poeta pisticcese, la poesia è documento di un male di vivere. "quale felicità provare se faccio quello che non voglio. Quale felicità cercare se il mio mondo è chiuso. Quale felicità mi resta se non scommettere la mia vita al gioco quotidianamente?". Da queste premesse – scrive nella presentazione dell'opera il prof. Giovanni Modugno – scaturiscono le scelte e le intuizioni tecniche del poeta, il quale rifugge da uno stile aulico e alto, mira a toni naturalistici e discorsivi, predilige un lessico quotidiano, accessibile, parole semplici che rispettano quasi sempre l'ordine della frase e che il poeta carica di significati profondi. Parole liberate dalla punteggiatura, isolate tra pause e nessi sintattici. In quest'ultimo lavoro Coraggio e debolezza, Di Lena evoca emozioni attraverso le descrizioni di fatti e oggetti del mondo reale. Il mondo in cui viviamo è il mondo dell'apparire e del non essere, del vuoto, del nulla. "Nell'ora in cui l'apparenza svolge la sua missione, l'anime reprime la naturalezza dell'essere, si finge per non essere". Così è la vita, una fantastica espressione di quello che non si è, scrive ancora il prof. Modugno". L'uomo di fronte al nulla si aggrappa alla vita, infinitamente più cara quanto più è prossima a sfuggire. Le sue poesie sono canti brevi, intimi e vitali, una voce del nostro tempo e del nostro spazio. Ascoltare la sua voce e facile, sentirla e comprenderla anche. Le liriche assumono un aspetto calmo, lento, creano una sorta di equilibrio dopo sensazioni di dolore, affanno, angoscia. "La verità del nostro tempo non è morta si è fermata nell'era cosmica dove l'evoluzione scientifica ha compromesso la vita intellettuale", Di Lena chiede di ascoltare e proteggere la verità: non si puo arretrare all'infinito, c'e un momento in cui ci sarà il vuoto. Il volume è edito dalla casa editrice Ermes di Potenza.

Recensione
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza