Servizi
Contatti

Eventi


Voce destinata a rimanere nella storia della letteratura, non solo italiana – piaccia o non piaccia ai lobbisti del "io dò un premio a te, tu dai un premio a me" – Veniero Scarselli ha ridato nuova vita al poema, senza alcuna nostalgia però ai contenuti del passato, ma per farne un ponte ideale tra l'uomo arcaico e l'uomo del 2000, a dimostrarne la sostanziale continuità e insieme la sostanziale frattura, la tremenda disperazione dovuta al crollo del mito e. del senso del divino.

In questo misuratissimo e al tempo stesso carico di vero pathos "romanzo lirico in lasse", si riprende il mito di Ulisse come paradigma della ricerca di quell'ltaca che è luogo del cuore, luogo nato con l'apparizione, dell'amore nella vita, e che, alla sua scomparsa, non si può mai più ritrovare. Non resta al viaggiatore che lasciare al tempo di fare il suo corso e accettare la sconfitta. Questa la dura visione dell'autore, espressa con poesia tanto perenne e profonda da smentire, ponendosi al di là dell'ingiuria del tempo; la rovina totale che va affermando.

Premio per la Poesia Edita: Veniero Scarselli, Il Pianto. di Ulisse, a cura del Circolo Rhegium Julii.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza