Servizi
Contatti

Eventi


"Abbiamo bisogne di percorrere | un tragitto comune | di creare un pensiero alternativo | e uscire dal torpore alienante. | Abbiamo bisogno di incontrarci | e parlare un linguaggio coerente | senza nasconderci in gallerie sotterranee. |Abbiamo bisogno di slegarci | e insieme abbracciare la libertà".

"Abbiamo bisogno" è la chiave di lettura del percorso poetico dell'artista pisticcese Giovanni Di Lena che nel Trentennale del suo impegno sociale, attraverso la Poesia, ha prodotto la nuova Raccolta Non solo un grido. La pubblicazione edita a gennaio scorso da Edizioni La Vallisa-Bari è stata stampata dalla Tipografia Imd Lucana di Pisticci. L'opera di Gianni Di Lena, già presentata in varie realtà del materano con un grande e meritato consenso di critica, approderà nella serata di sabato 10 novembre presso la Sala Consiliare del Municipio di Pomarico. Il poeta, prossimo ai cinquant'anni, ama 'trasportare' le proprie sensazioni, le coinvolgenti emozioni, le forti tensioni sociali, il sentire e il fare proprie le varie istanze delle genti, quelle umili, deboli, svantaggiate, sullo 'spartito' delle sue composizioni. Ove le note sono i versi, i sentimenti restano sentimenti veri, i messaggi sono inconfondibili: netti, chiari, di grande denuncia sociale. Proprio i versi della lirica "Abbiamo bisogno", comprendono pensieri semplici sì, ma di grande portata collettiva, di comunanza, di monito, di sollecitazione, di auspicio: 'tragitto comune', 'pensiero alternativo', 'torpore alienante', 'linguaggio coerente', 'bisogno di slegarci', 'abbracciare la libertà'. Queste espressioni divengono un 'vademecum' così come le titolazioni delle circa cinquanta liriche, tra 'pubblico' e 'privato', di Non solo un grido rappresentano (e raffigurano) la 'grande tela' della vita.

Dai valori dell'amicizia, all'affetto per i 'Cari genitori', alla 'Vecchiaia (a mia madre)', alla 'voglia di esserci', all'Industrializzazione, alle Tute sporche, alle Generazioni, a 'Pisticci è un sogno', ai Progetti, allo 'Stato d'animo', a 'Il mio disagio' a 'Piazza Elettra' (di Marconia), a 'Esplosione', a 'Maleducazione'... a 'Non so spiegarti', a 'Per un lecchino' a 'Riposo forzato', a "26 ottobre (Per onorare la memoria di mio padre)", a 'Non solo un grido' che ha dato il titolo alla silloge. La Raccolta, dedicata "a Mia Martini e a coloro che non hanno pace", si avvale della prefazione di Raffaele Pinto e della postfazione di Daniele Giancane. La copertina dell'opera è illustrata dall'olio "Campo di girasoli" del maestro marconense Pietro Martino, che dà una spazialità ai pensieri poetici e sembra voler stemperare, con i caldi colori e l'ampia campitura, l'impeto e, per certi versi, l'amarezza del Poeta che non trova soluzione ai tormenti ed alle insoddisfazioni che appartengono ai più... "Non solo un grido | ... per crederci ancora | per conquistare una propria autonomia | e vivere liberi da ogni sudditanza" testimonia Di Lena. Il suo è un grido genuino, senza fini sommersi, è puro, cristallino, perché proviene da una persona fortemente sensibile che ama molto la propria terra, la Lucania. E che da tempo percorre la propria strada con un pesante fardello: la Libertà di pensiero e d'azione. "Aspetto ancora una risposta | dalla Valbasento. | ... L'industria | ha levigato il volto dei braccianti | ... Nell'attesa | mi consumano le poche certezze conquistate | e monco al mondo sopravvivo".

Questi passi esprimono lo "Stato d'animo di un vissuto collettivo. E ancora più dura è la quartina "Festosa | nelle valli del grano | s'insinuò | la morte" in "Industrializzazione". Giovanni Di Lena è propriamente un artista di impegno e sensibilità di... versi.

Recensione
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza