Servizi
Contatti

Eventi


'Saudade' è una parola portoghese che, come spesso avviene, non ha una esatta traduzione in altre lingue. In italiano il significato che più si avvicina è 'nostalgia', ma 'saudade' ha una percezione più sottile, impalpabile. Come tutti i sentimenti, risulta difficile da spiegare. 'Saudade' è anche il titolo del secondo libro di Gian Luca Mario Loncrini giovane scrittore italiano che divide la sua vita tra l'Italia ed il Brasile, un romanzo scritto con eleganza nonostante l'asprezza di alcuni luoghi descritti e di certi temi trattati. Il personaggio principale è una ragazza brasiliana, Sabina, che in seguito ad un volo rimandato per ]'Italia, costretta a stare una notte a San Paolo. Decide di passarla in en bairro (quartiere) degradato delta metropoli, ove vive una incalzante sequenza di flash back: il ricordo della famiglia di origini italiane e degli studi universitari, la situazione disperata delle infanzie nelle favelas, l'amore verso i bambini ed il proprio paese. Ragioni valide chc fanno nascere in lei, ancora prima di partire, la saudade e l'impegno di tornare di nuovo in Brasile. Questo grande paese sudamericano non ha avuto in genere molta fortuna con i romanzieri ed i cineasti stranieri. Sono sempre state realiizatc opere di maniera, totalmente avulse dalla vera vita brasiliana, una specie di Brasile stereotipato o, ancor peggio, 'usa c getta'. Il romanzo del Loncrini è una rara e lodevole eccezionc. In esso si respirano i veri problemi brasiliani vissuti e visti dal di dentro e non, come spesso avviene, superfcialmente e dal di fuori.

Spiare la vita degli altri e nutrirsi dei loro sentimenti e oggigiorno uno svago diffuso. In questo lihro, ricco di interessantt dialoghi, questo atteggiamento perde il suo lato negativo e diventa una parabola piena di insegnamento. Il personaggio principalc, Sabina, è calmo e dignitoso ed in alcuni momenti ricorda la Dora di Central do Brasil del regista Walter Salles. Come dice il Loncrini stesso, donne e bambini sono i veri primi attori di Saudade . Della protagonista Sabina vengono mostrate tutte le sfumature caratteriali ed il lento evolversi che la porterà al desiderio di fare ritorno in Brasile ancor prima di lasciarlo.Saudade è un lihro singolare perché ci fa trovare la grazia nella sordidezza e fa anche nascere la speranza di soluzione dei problemi, invero gravi, della realtà quotidiana del popolo brasiliano. Il tutto si intreccia con le avvincenti rimembranee personali di Sabina.

La morale di questa opera mi ricorda molto quanto Paulo Coelho fa dire, ad un'altra eroina brasiliana, nel suo romanzo Veronika decide di morire: - Finora la mia anima era perduta nel mio passato. Ma oggi è tornata qui: la sento di nuovo nel corpo, colma di entusiasmo. Non so cosa farò: so soltanto che mi ci sono voluti anni per capire che la vita mi spingeva verso un cammirio diverso, ma che io non volevo muovermi.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza