Servizi
Contatti

Eventi


Impegnata, carica di nuovi fermenti sociali, in un linguaggio polemicamente dichiarato sostenuto da “un breve mazzo di parole colto dall’usato”, la poesia del Giordano riprende i temi noti dell’esodo dall’isola, della rabbia impotente, dell’attesa tradita, della vuota rassegnazione, temi – passaggio obbligato di un’eredità, di un’appartenenza a una terra e a un tempo storicamente definiti, per scuoterne la sopravvivenza, le radici alla luce di una nuova coscienza sociale che tenta fratture col passato e non si sente più disponibile all’atavica rassegnazione. E il quadro della realtà si allarga: accanto alla presenza del disoccupato l’angosciante risposta degli uomini nuovi con i drammatici interrogativi del loro nuovo linguaggio. L’isola non è per Giordano tempo mitico, arcadia, ma realtà in movimento, dove l’uomo cerca il riconoscimento alla sua umanità.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza