Servizi
Contatti

Eventi


Tra i contemporanei emergenti credo che Filippo Giordano sia degno di occupare un posto di rilievo. Autore con una buona esperienza letteraria; osservatore autenticissimo del reale e di sé stesso, delle sue emozioni, Filippo Giordano è poeta difficile, critico ma anche conoscitore dei problemi che attanagliano la sua esistenza e quella dei suoi simili. La sua poesia è ricca di intuizioni geniali, di sonorità timbriche e per l’accurata scelta dei vocaboli e degli aggettivi mai lasciati al caso. Le tecniche affrontate con coraggio e senza mezzi termini, lasciano intravedere la figura del Poeta uomo calato nel proprio tempo tormentato e tormentante. La sua è una poesia fatta di larghi respiri, ma anche di amare considerazioni sulla vita, sulle cose, sugli uomini. Anche nel nostro è presente (come in tanti nuovi autori) l’esigenza biografica di raccontarsi, ma questa viene ampiamente “diluita” dalla ricerca di uno stile di architettura letteraria che lo portino ad esaltare il palpito lirico di sé stesso. Filippo Giordano è un poeta/uomo che tende, con la propria poesia, a cogliere gli aspetti della vita nelle sue essenze profonde, ma soprattutto è fuori dei “soliti” clichè. Di sicuro ne sentiremo ancora parlare.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza