Servizi
Contatti

Eventi


Quella di Roberta Degl’Innocenti, quale appare dal suo recente libro di versi Un vestito di niente, è una poesia estremamente musicale e ricca di immagini, che tende ad assumere un andamento narrativo e a dar luogo, come osserva Paolo Ruffilli nella sua prefazione, ad una lirica di stampo onirico e fantastico, divenendo anch’essa “una sorta di cronaca magico-rituale delle cose e del mondo”.

Si legga, per fare qualche esempio: “Fiaccole accese e rulli di tamburo, | Piazza del Campo scalpita tempesta. | Conchiglia che si apre, perla di fiume, | grembo trasparente” (Fiaccole accese); “Esterina parlava ed io scrivevo, | rapida come il volo degli uccelli. | Sulla riva del fiume ricamavo | parole fitte e lacrime rubate” (Esterina); “Ti scrivo una canzone per le sere | d’inverno quando una luce bruna | si fa fumo e crepitano nell’ombra le parole… (Canzone). A tale limpidità espressiva fa però riscontro, come pure nota Ruffilli, un’intima drammaticità dei contenuti, che si accompagna ad una sofferta inquietudine; il che è evidente in versi quali: “Siamo i cantori dei vicoli bui, degli antri | oscuri dove la mente si squarcia e si dilata” (Siamo i cantori); “E’ un grande dono la pazzia. Quella | che dirige la penna e poi commuove: | risa di scherno, maschera bugiarda” (Estensione di giallo); “Ogni giorno il cuore mi stupiva | batteva con la testa in squilli di furore. | Scolpivo bambole pirata, elfi nascenti | sul palmo della mano e lacrime da bere” (Argento e nero).

C’è poi nella lirica di Roberta Degl’Innocenti il gusto dell’immagine un po’ surreale e persino espressionistica, che è indice in lei di una buona capacità inventiva. “Simulazione di rosso nei pensieri, | candidi come agnelli trucidati” (Simulazione di rosso); “Un concerto in piazza, la musica | negli occhi” (Concerto); “Di notte passeggiavo lungo il fiume, | pellegrina di respiri e aurore vellutate” (A piedi nudi).Ne risulta una silloge di notevole resa, che bene esprime la personalità artistica della sua autrice, la quale si presenta a noi come dotata di una sapienza tecnica mai fine a se stessa, ma sempre unita all’urgenza di contenuti schietti e autentici.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza