Servizi
Contatti

Eventi


Un libro di non agevole ma di illuminante lettura, anche Scarselli ci ha abituato a questo inconsueto e fantastico mondo di libera fantasia, tra l'onirico e la coprofagia, un mondo di sfrenata ed allucinante sessualità perversa e libera, non senza il compiacimento di essere sempre presente a se stesso. Nel segno del priapo eroico, sfrenato ed insaziabile, dell'ano penetrabile con volontà perversa, con ritorni a Dio insospettati ma pur sempre presenti ed insistiti, questo domestico Sant'Agostino in lotta con i demoni vincenti, continua ad esplorare i mondi fantastici dei sesso e del pentimento, di una perdizione intima ed irrimediabile del male nella lotta continua con Dio e con lacame, nella aspirazione a liberarsi, con le feci, della propria camalità insaziabile che è la bestia, il sesso da esorcizzare, invincibile nella disperata ansia di purificazione ma senza speranza di vittoria.

Come in una confessione, lo stesso autore scrive: "A Francesco Silvestri, l'ultima mia terribile operina eroticomaniacal ascetica (ma è una ascesi che mi salva: prometto che d'ora in poi mi converto a più nobile poesia); e un invito a soffermarsi sulla piccola dichiarazione di poetica a p. 8, in cui si propone un proficuo ripensamento sui contenuti e sui fini della poesia. Con stima e amicizia, Veniero Scarselli".

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza