Servizi
Contatti

Eventi


L’idea di questa guida è legata al film "N" del regista Paolo Virzì, ispirato dall’omonimo romanzo di Ernesto Ferrero, che si avvale di un cast d’eccezione, l’attrice Monica Bellucci e l’attore francese Daniel Auteil.

La guida, promossa, fra gli altri, da Toscana Film Commission, rappresenta un aiuto per le persone curiose, interessate alla ricerca dei segni della presenza di Napoleone e della sorella Elisa, diffusi nel territorio e raccolti nei palazzi e nei musei.

Un tema di grande interesse e pieno di colpi di scena "quasi una sceneggiatura tra vita pubblica e privata di un 'clan' familiare dai tratti unici, con uno stile di vita animato dalla curiosità e dalla velocità, caratteristiche tipiche del viaggiatore contemporaneo", afferma il Presidente della Regione Claudio Martini nella Presentazione del libro.

Elisa portò un vento impetuoso nella società dell’epoca e si vede nelle residenze, negli arredi, nel gusto e nella moda, nella vita sociale e perfino nelle abitudini alimentari. La costa toscana è attraversata da mutamenti repentini che lasceranno tracce durevoli, le Residenze dell’Elba, la Scuola Normale di Pisa, l’istituzione di sindaci e prefetti, le bonifiche in più parti della costa, le modifiche urbanistiche di Lucca capitale.

"La guida ricompone le tracce molteplici dei Bonaparte in Toscana e restituisce un quadro di vivo interesse, ricordandoci ad ogni pagina quanto stretto sia il legame tra il nostro territorio e la storia europea, quanta cultura e quali vicende umane siano racchiuse nei nostri paesaggi e manufatti."

Al lettore è proposto un viaggio particolare nella dimensione tempo-spazio, legata alle vicende dei primi decenni del XIX secolo. Il viaggio inizia nel territorio del principato di Piombino, dalla via della Principessa (dedicata ad Elisa), per passare poi all’isola d’Elba dove Napoleone, dopo la sconfitta, regnò per dieci mesi ricreando, in miniatura, la vita di corte della capitale francese e stabilendo un’efficace amministrazione.

Il percorso riprende poi lungo la costa toscana, a Livorno, avamposto francese contro gli inglesi, prosegue per Pisa e per San Miniato, alla ricerca delle origini della famiglia Buonaparte. Raggiunge Lucca per scoprire le trasformazioni della città promosse da Elisa, e termina nella provincia di Massa e Carrara, le terre dei Cybo e del marmo, risorsa con la quale si misurò la capacità di imprenditrice della stessa Elisa.

Un viaggio pieno di curiosità, che il visitatore compie per "riconoscere" nella Toscana di oggi i segni di un intenso rapporto con la cultura e la storia francese, per rivivere le emozioni suggerite da pagine affascinanti della letteratura e del cinema.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza