Servizi
Contatti

Eventi


La copiosa ed apprezzata produzione poetica di Giovanni Tavčar si arricchisce di questa sua nuova opera che offre spunti di profonda riflessione e meditazione sulla natura umana nel suo rapporto con Dio. Dalla complessa silloge, suddivisa in sei passi dalla "Creazione" alla "Memoria delle Origini", dall'interrogativo "Ma che Chiesa siamo" al "Tempo di crocifissioni", da "Adesione e trasformazione" al conclusivo "Lo spazio di Dio", si evince quanto la storia dell'uomo non sia altro se non un progetto Divino al quale, nonostante tutto, l'uomo stesso non può sottrarsi. Dio, dunque, come artefice dalla creazione al Giudizio Finale, Dio che ha previsto ogni cosa dalla trasgressione di Adamo alla propria Incarnazione per immolarsi per il suo perdono. Disobbedienza, noncuranza e ancora trasgressione delle quali l'uomo continua a macchiarsi e per questo deve espiare per ottenere il perdono e il premio promesso. Nei Sacri Misteri l'Autore vede la via predisposta e nell'intimo rapporto tra Dio e l'umanità, la possibilità per quest'ultima di adempiere ai compiti preassegnati per il suo iter vitale. Improntare l'esistenza secondo la volontà del Creatore è il sentire di Tavčar ed egli lo propone attraverso una raccolta di versi che si susseguono come una cascata di acqua purissima e inarrestabile come la vita degli uomini, finché Dio vorrà.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza