Servizi
Contatti

Eventi


"La poesia? Nessuno l'ascolta. Le sue voci sono effimere orme, passi calcati su sabbiosi deserti senza sentieri." In un certo senso ciò è, purtroppo, vero però vi sono tanti modi di esprimersi in versi e, per fortuna, esiste anche chi lo sa fare come, ad esempio, la Luzzio. Intanto, ciò che colpisce in questa raccolta, è l'originalità della veste scelta per offrire dialoghi con se stessa che sono l'essenza dell'opera, dialoghi personali gli argomenti dei quali, però, svariano a tutto campo inducendo il lettore a soffermarsi per cogliere appieno i reconditi inviti in essi contenuti "...Trova il filo conduttore nel succedersi degli episodi e con esso tessi in modo nuovo la tela di domani." Nel mondo pieno di brutture e di negatività, la poetessa ha un ruolo marginale, preferisce parlarne e rendersi così partecipe di un suo eventuale miglioramento, pur non ritenendosi abbastanza forte per opporsi neanche alle sue delusioni personali. Poesie come dialoghi non è un trattato e non è neppure una lezione di buon vivere, è una intelligente opera di poesia che va letta, riletta e capita.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza