Servizi
Contatti

Eventi


La casa in mezzo al prato in Boscoverde di Rocca Pietore

da: LXXVIII Quaderno di Praglia
Cenacolo di poesia
“Insieme nell'umano e nel divino”
18 gennaio 2019

Maria Luisa Daniele Toffanin si ritrova ne “La casa in mezzo al prato” donna-altra in un incantato viaggio nel mondo delle meraviglie.

La raccolta di poesie stilate goccia a goccia è il risultato di un’esperienza poetica vissuta per decenni nell’incantesimo dell’ Agordino sul proscenio immacolato della Marmolada.

La poetessa si scioglie in racconti di sé, delle proprie gioie mentre accarezza archetipi di vita, miraggi ideali di isola felice, sfiorati dal bello – suo nutrimento dell’anima.

“La casa in mezzo al prato” diventa per Maria Luisa il luogo dell’attesa meravigliosa, del disgelo fiorito di luci in suoni colori e canti. “La casa” si trova appunto a Rocca Pietore che diventa per l’Autrice rifugio ma anche luogo di abbandono in annotazioni di segni, pensieri, sentimenti, amicizie che vive e rivive senza pudore in presenza d’affetti, di stimoli emotivi inattesi riflessi su prati e boschi in quotidianità di vita con i villeggianti ai bordi delle “chiare, fresche ,dolci acque” del torrente Pettorina.

La raccolta poetica è un camminare in mezzo al prato a “piedi nudi”: sensazioni di benessere che collega alla terra, alla natura. Il passo, la composizione diventano leggere, silenziose, nostalgiche e suscitano gioia genuina risvegliando sopiti ricordi.

Maria Luisa recupera, poesia altra, un suo ideale luogo di origine, ricostruisce una ideale “casa osservatorio” di armonie, colori, profumi, suoni ,emozioni, sapori. Questo onirico racconto che all’apparir del vero sembrerebbe dovesse dissolversi, trova invece continuità di vita nelle amicizie locali, nell’ammirazione per la crescita dei bimbi che la circondano e tuttavia, anche se tutto cambia, cresce, si modifica, comunque per la poetessa è certezza che tutto si conserva perché soffusa ovunque è la presenza di Dio: Nell’azzurra luce / nella distesa smeraldina / noi siamo sentieri / che salgono insieme / all’innocenza prima / del cielo e della terra / e posano i passi del giorno / nella mente di Dio. (da Pensieri nel tempo – a Massimo).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza