Servizi
Contatti

Eventi


Andar per versi

Questi versi di Patrizia Riscica sono permeati di intenso pathos, nel coraggio di una donna che ama sino alla dedizione silenziosa, nella sincerità dei suoi sentimenti: “e l’amore guardò il tempo e rise…” / disse Pirandello / o forse qualcun altro. / Era il tempo di andare / e lo diceva forte / quella voce ormai finita / stridula e aspra, / senza rispetto / o pietà per orecchie / troppo stanche. / Era il tempo di cambiare / e cacciare via l’amore / era arrivata l’ora, / ma lui, l’amore, non voleva / proprio andare via. / Restava lì, fermo, / impassibile, / con il sorriso triste, / gli occhi sfuggenti, dolenti, / persi in / un’angoscia di abbandono / tesi in / un desiderio di dolcezza. / La voce tacque / e si trasformò in lacrime / e le lacrime in carezze / e il tempo rinunciò. / L’amore rimase /perché sapeva che, / nonostante i suoi stracci / i suoi buchi, gli strappi e / i pochi rammendi, / copriva ancora il corpo / e scaldava l’anima.” La sua è un’intelligenza raffinata e una libertà fiera: “Così se un giorno qualcuno ti chiederà: / ma che fine ha fatto quella? / sì quella con i capelli scuri / gli occhi un po’ tristi e / quel sorriso di luna che / solo per un attimo illuminava la notte? / tu la rinnegherai.” (Quella); “evaporo come goccia di mare / i pensieri compromessi dall’altro / non mi appartengono più.” (Pensieri).

L’amore è illusione e disillusione insieme, quando all’incanto e all’estasi seguono il disinganno e l’angoscia dell’assenza: “Finalmente mi ami! / Sì, sono sicura che mi ami! / Era scritto ieri dentro i tuoi occhi, / mentre mi osservavi di nascosto, / sai, / ho visto / come brillavano / lucidi di tenerezza. / Poi hanno parlato le tue mani / che percorrevano con desiderio / il mio corpo che si scioglieva in te. / E la tua voce incantata / sussurrava felicità sulla mia pelle. / Svanita dal presente ho calpestato / campi azzurri / come se il mondo fosse solo / cielo e mare. / Ho danzato sulla spiaggia / sfinita dalla gioia. / Ho gridato al vento e / cantato in coro con le onde. / Ma adesso? / Cosa ne faccio di questo amore, adesso? / Se non posso più tormentarmi / e soffrite nella notte di desiderio? / Se non posso gemere di gelosia, / sognare la tua voce che respira sul mio collo? / Come posso nutrire il mio corpo / e bere avidamente le mie lacrime / senza la tua assenza? / e la mia mente, / improvvisamente deserta / dall’ossessione di te, impazzirà? / Allontanati, ti prego / non rispondere più al mio richiamo.” (Finalmente). È una schiavitù da cui è difficile liberarsi: “L’amore fa un altro giro / questa volta lunghissimo, / sembra essersi perso / per quel viottolo scosceso. / Poi all’improvviso si volta, / torna indietro e / comincia a risalire. / Non c’è nulla da fare / ritorna sempre, ancora, / qui appiccicato a me, / camuffato da finto addio.” (Giro). Nella sua ambiguità è una trappola mortale, una morsa fatale che ti avviluppa con i suoi tentacoli: “Mai capirai perché / non riesci a fermare / quelle carezze che / ti compromettono la vita / e perché continui ossessiva / a percorrere i malintesi dell’amore.” (Carezze).

La malinconia amorosa si nutre di ricordi e di delicate rêveries: “Era un tempo / non ricordo quale, / ma sicuramente molto giovane per noi. / Ti aspettavo in cima / a quella scala a chiocciola / su cui tu salivi lentamente / e io guardavo ogni tuo passo, / come se, senza questo sguardo, / tu potessi perdere equilibrio e cadere. / Il pensiero, una ripetizione: / sta venendo da me, proprio da me / Ecco ora in un tempo / non più giovane per noi / ancora ti vedo così / mentre sali verso di me, / i tuoi capelli ondeggiano / e il volto si alza in / un sorriso improvviso.” (Scala). La passione è un gorgo travolgente e irresistibile, una ricerca inquieta, affannosa e mai paga: “Cercherò sempre / un tuo sorriso / per poi inseguirne un altro / e un altro ancora. / Spierò con passione / ogni paesaggio del tuo corpo / ascolterò sorpresa / ogni tuo nuovo suono. / Raccoglierò ogni tua lacrima, / la mescolerò alle mie, / dentro l’ampolla dell’anima / e le conserverò gelosa. / Sarà una mia conquista / ogni piccolo cambiamento / e il tuo odore nuovo / sarà consolazione / speranza, significato. / Voglio imparare questo amore/ arrivato improvviso, / irruente, sfrontato e prepotente. / Voglio imparare questo amore / che, incurante della mia fragilità, / ha invaso tutto lo spazio del mio cuore / e ha inghiottito avidamente / l’avanzo d’una manciata di anni. / Ma quanta paura, / bimbo mio, / di vederti tremare per la vita, / perché il mondo può trasformarsi in un orco orribile, / quanto timore / di non aver un tempo / per raccontarti una fiaba fantastica / e poi una storia vera / dolce e un po’ triste, / perché tu possa credere, / sognare ancora e fiducioso / respirare libero nel viaggio. / Sempre determinato nell’andare.” (My baby).

Nella sezione L’andare delle donne la forza viscerale femminile emerge in tutto il suo vigore e potente attrazione: “Lei è passata di qui / e con un lungo sguardo / ha avvolto il tempo / la parola è stata povera / breve, scarna / solo un accenno al viaggio / le lunghe mani accarezzavano / pelli secche e stanche / mai hanno avuto sosta / poi la voce si è alzata chiara / sopra quella del vento e del mare / e non ha mai perso purezza / il suo ricordo è rimasto qui / per sempre intrecciato / a un filamento di unità.” La psicologia femminile è legata alle proprie scelte dettate spesso dall’amore e dal sacrificio che questo comporta: “Una ricerca che sfinisce / dicono un destino forse / che ti irride e / dopo tutto / questo cercare di capire / perché fai così, / sempre così, / arriva improvvisa la chiarezza / donna, ora sai / cosa dover cambiare, / e proprio in quel momento / capisci che non puoi / e non potrai mai. / Ora sai / che continuerai per sempre / a vivere così / dentro a un inganno consapevole.” (Cambiare).

La poetessa ha una funzione sciamanica, vale a dire di consultare gli spiriti e sentenziare oracoli, gettando luce sulla verità, con proprietà taumaturgiche di curare la vita nella sua continuità, nonostante gli strappi dolorosi: “Mi chiamano Sciamana, / donna che viaggia con gli spiriti, / ho il potere dell’estasi, / ho il potere sulla pura essenza, / conosco l’altra realtà dell’anima. / Il mio destino è andare, / sono esule del mondo / ho una mappa scritta nel cuore / per camminare verso il regno dell’ignoto, / nella terra di mezzo, nella terra di sotto. / A chi incontro per la mia strada / cucio le ferite più profonde / che tagliano a pezzi il cuore, / guarisco ogni scompiglio della mente / e quell’impulso irrefrenabile a perdersi la vita. / Cerco tra gli alberi, le piante e i fiori, / i medicamenti più dolci / per lenire il bruciore / che rode e consuma ogni anima. / Mi consulto con gli animali / per trovare energia e saggezza. / Il mio tamburo batte il ritmo, / un suono lento come le ore del buio. / Io esco da me ed entro nella notte, / lunga quanto la strada che gira / attorno al destino. / Se hai perso il cammino, / resta stretto a me / gli spiriti bisbiglieranno all’orecchio / conoscenza e turbamenti / soffieranno la magia dell’antico essere / e – così – forse – potrai – finalmente – riposare.” (Sciamana). La donna è custode paziente del dolore dell’uomo: “Raccoglierò il tuo dolore / così impenetrabile e greve. / Certo, lo custodirò. / Lo porterò con me. / Camminerò con lui a lungo. / Passo dopo passo / e se cadrà sfinito, / lo raccatterò dalla strada: / ho ancora molto spazio / dentro al mio zaino rosa.” (Zaino rosa). A lei appartiene per natura l’arte della cura: “Avrò cura, lo sai, / sono una donna. / Sono qui, anche se non ci sono / ma non temere, / parto e ritorno / scappo e inseguo / osservo e giro lo sguardo / accarezzo e mi allontano / parlo e afferro il silenzio / ma ti porto con me, / leggero è il pensiero / avrò cura, lo sai / in ogni tempo.” (Cura).

Il rapporto Madre-Figlia è conflittuale, ma al contempo costruttivo e fondante della propria personalità: “Non capivo come volessi / che io fossi: / un’amazzone impavida, / sempre pronta a combattere? / una donna modesta e obbediente? / una lavoratrice capace e indipendente? / una figlia affettuosa? una madre efficiente? / una femminista irriducibile? / Nel tempo mi hai offerto tutte le facce. / Io osservavo e imparavo / a essere educata, gentile, combattiva, caparbia, / rivoluzionaria, generosa, egoista, conservatrice. / Che fatica trovare un’identità / e quanti pianti, lotte, contrasti, per svincolarmi e poter / finalmente fuggire verso me stessa. / Era una battaglia aperta, riguardava solo noi due. / (…) Ho alimentato la tua ansia di perdermi. / Io invece ero sempre al sicuro, / coperta dal tuo amore. / Mi sono crogiolata nella colpa / di essere diversa, non adatta, malfatta, / irraggiungibile nel mio cocciuto tacere.”

Patrizia Riscica in Andar per versi segue il flusso dei sentimenti e delle emozioni, quando sostano irrequieti lungo le anse del cuore o se s’impennano in slanci indomiti dell’essere: il suo timbro inconfondibile è costituito da un’energia vitale e una spumeggiante ebbrezza dei sensi, sostenute da una meditazione lucida e vigorosa che ne incarna una visceralità tutta femminile, terragna, la quale affonda le radici nell’incandescente magma sotterraneo, ma eleva le potenze intellettive e sensitive fino al cielo.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza