Servizi
Contatti

Eventi


Còntame, nona

Tale poemetto si avvale del vezzo del dialetto veneto, con aneddoti, personaggi e modus vivendi della tradizione locale. È caratterizzato da un sentenziare proverbiale quanto verace: “De disgrassie e frangenti / la ga perso ‘l conto / perché se sa purtròpo / piove sempre sol cópo”.

Nell’immediatezza del linguaggio, sembra di sentire la freschezza e vivacità delle ciarle di paese. Autentica e appassionata è questa considerazione attenta di una realtà negativa che culmina in fervida preghiera: “Come dizéa Gesù: / Nissun te ga mai visto, Pare / e no bisognarìa rafigurarte / no intendo dir de quadri statue icone) / perché quando se femo vanti / interpreti de ti e del to volere / e son de guère sante e de potere, / quando del lieto anuncio / se decorèmo ‘l peto / immantinente salta fòra ‘l brevéto / dea vision de parte, del dispèto / che dal to Regno grande xe distante. / Ghèmo fame de ciàro e de speransa, / ma no savémo mai / se porger l’altra guancia o sbàtar fora / dal to tenpio i mercanti. / Te prego manda zo el Consolatore / a destrigàr i anèi de sta caéna / che ne sòfega e strenze co dolore / e stendi sora ‘l mondo finalmente / un vero arcobaèno / de paze e de pietà / che da soli, Pare Santo, no ghe ‘a femo. / In atesa de rapido intervento / te baso manto e pié co sentimento.”

Maria Antonia Borso in questi versi canta la vita in tutte le sue variegate sfumature, con il calore e il pathos degli accenti della sua lingua materna, legata alle radici della propria terra, di cui mette in luce i pregi folcloristici, così come gli aspetti più disforici che appartengono all’umanità tutta.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza