Servizi
Contatti

Eventi


Viaggio di un poeta in cerca di un lettore

Questi testi s’innervano dal vigore del pensiero, dalla lucidità raziocinante, dalla logica demiurgica che dal magmatico caos originario forgia mondi inesplorati: “Il pensiero, talvolta, / d’improvviso scatta, s’impenna, / traccia densi grovigli, / disegna vertici / e profondi avvallamenti, / stacca frammenti incandescenti, / rivela ammassi / di costellazioni, di galassie, / di vorticose nebulose, / illumina stupefazioni / e impietramenti, / fissità muffite e sfiduciate, / livide crepe sfaldate, / si scontra / con fantastiche utopie, / con architetture incrinate, / con rovinosi diluvi, / con la miracolosa poesia / del canto, / con la luminosa luce / della ragione. / Il pensiero, talvolta, / d’improvviso s’accende / e ci trasporta / in regioni impervie / e sconosciute.” (Il pensiero). Sono accensioni dell’anima, scintille di idee e di emozioni che si avvicendano nelle variegate stagioni della vita: “Oggi mi arde nell’anima un fuoco / che mi riempie di gioia / e di pure vibrazioni. / Canto a voce piena / un motivo saltellante e allegro / che evoca lieti momenti / intessuti di armonici ricordi. / Canto che lentamente / si trasforma in danza, / attraversata da lampi di luce / trascolorante, / da ritmi galoppanti, / da plastiche movenze. / È questa la vita vera, / o è soltanto un intervallo / tra rovesci densi e frastagliati?” (Un fuoco improvviso).

Si nutre la nostalgia di evocare momenti idilliaci che hanno costellato l’età d’oro dell’estatica giovinezza: “E assistere allo sbocciare / di diafane, inebrianti primavere, / al sorgere di filigranate aurore, / al trasfigurarsi di indicibili tramonti? / Vano e futile vaneggiare… / Tutto è ormai chiuso / ed ermeticamente sigillato / nel forziere che verrà consegnato / nelle mani di Colui che sa leggere / ben oltre le cause e le ragioni.” (Chissà). Poi segue la Stagione occulta della sofferenza: “Tante sono le cose / che ignoro, / tante quelle che mi pesano / sul cuore. / Il profumo della giovinezza / da tempo s’è dissolto, / aspre resine / mi attanagliano le mani, / derive di luce / mi risucchiano in vortici / impietosi. / Stagione occulta d’ansie, / di cammini / tortuosi e imprecisati, / di ombre / in progressiva espansione. / Dolori esacerbanti / mortificano il mio canto, / un affilato silenzio / tenta di cancellarmi, / ogni cosa odora di tristezza. / Vivo / come da me stesso / abbandonato.” (Stagione occulta). La vicissitudine esistenziale è una traversata rischiosa e imprevedibile, di cui non si possono calcolare gli effetti e gli esiti; è come stare in balìa di furiose mareggiate che ti trascinano alla deriva e ti depongono, spossato, su nuda riva: “Con il passare del tempo / si acquista una dimensione nuova, / si passa più frequentemente / dalla realtà al sogno, / dal balenio della luce all’ombra, / dal giorno alla trasfigurazione del tramonto. / Quante sono le cose / che possono tradire e ferire, / quante sono le immagini / che possono improvvisamente cambiare. / L’avventura della vita / è un tempo strano e complicato, / dove non tutti i semi germogliano, / dove non tutti i colori attecchiscono, / dove non tutte le parole fioriscono. / La danza delle nascite e delle morti / ci tiene in costante apprensione, / l’alternarsi delle stagioni / ci modella e ci scolpisce, / il maturare dei sentimenti / ci riempie di felicità o ci ferisce. / Un viaggio imprevedibile / nel quale è difficile decifrare / ciò che abbiamo veramente voluto / da ciò che ciò che ci è stato abilmente imposto.” (Un viaggio imprevedibile). Rientrare in se stessi costa sofferenza, ma è necessario per vivere in modo autentico: “Inchiodato alla croce / della mia travagliata identità, / ritrovo lo stupore / dell’ennesimo ritorno, / dell’aria rilustrante, / dell’indicibile sorpresa, / dove si smarrisce ogni calcolo, / ogni valido criterio, / ogni programmata decisione. / Nell’occhieggiare / della nuova primavera / e del senso stesso della vita, / rintraccio miracolosamente / il nucleo originario / di me stesso.” (Ritrovamento).

La solitudine è un’oasi in cui può fiorire lo spazio interiore: “Il possesso dei giorni / si allenta sempre di più, / il loro disegno / si fa sempre più intricato, / i loro segnali / sempre più enigmatici e confusi. / Anche il cammino / che sembrava così certo / è ora avvolto in improvvisi / banchi di nebbia / che ne celano e la direzione e il senso. / E io ne sono stordito. / Non mi resta che trovare / un cantuccio, / silenzioso, riparato e caldo / dove coltivare / il piccolo giardinetto che solo riuscirà a offrirmi ancora / qualche rara / e carezzevole fioritura.” (Stordito). I ricordi ci possono attraversare di tanto in tanto l’anima come lame taglienti, evocando momenti felici ormai ineluttabilmente perduti:“Le lunghe ombre dei ricordi / che noi lasciamo / dietro di noi, vivendo, / ci attanagliano / di quando in quando / e ci illudono / che il passato possa tornare, / che i tempi lieti / e felici possano rifiorire, / che le malie / della gioventù possano ricomporsi. / Fallace illusione. / Non c’è ormai nulla di certo / e di continuo / in questo nostro presente / se non un vento / continuo e irritante / che mette a soqquadro l’anima / e il corpo.” (Ricordi). La poesia è luminosa vaghezza interiore: “Mi specchio / nell’antica luce delle maree, / mi abbandono / al loro ritmico ondeggiare, / mi immergo / nel loro suono salmodiante. / La stanchezza / a poco a poco s’affloscia, / si muta / in rinascite rasserenanti, / si riveste / di giardini lussuriosi / e profumati. / La vita / lievita di nuovo / ed io ad essa mi abbandono.” (Rinascite). Il silenzio è terreno fecondo perché germini il divino: “Ho sempre più bisogno / di silenzio: / per udire i fruscii / dell’anima, / per ascoltare i suoni / che provengono / dalle profondità dell’infinito, / per riuscire / a concentrarmi in me stesso, / per entrare in contatto / con il divino. / Ho sempre più bisogno / del silenzio / per realizzarmi e fiorire.” (Bisogno di silenzio). Il bilancio di una giornata che pesa torti e ragioni, alla fine si conclude in positivo se, in mezzo alle varie traversie, si è rimasti fedeli a se stessi: “Al termine / di questa mia giornata / sono rimasto solo / con gli odori della sera, / con la luce che trascolora, / con le armi del mio passaggio. / Un altro giorno è trascorso, / le ombre e le distanze / combaciano a puntino. / Sono stato fedele a me stesso, / non ho più nulla da dare / e nulla da ricevere. / Giochi di parole / mi solfeggiano sulle labbra, / antichi ricordi tornano a galla. / Consumato l’ultimo canto / sarò pronto a partire.” (Solo).

Si persegue una poetica che abbracci l’estasi creativa, in cui le parole tessono l’armonia e la bellezza: “Non ho bisogno / di parole infide e randagie / che giocano a rimpiattino, / che danzano / sui fili dell’alta tensione, / che mi inducono / in tentazione, / ma di parole che creano, / che lampeggiano / con ipnotici incantamenti, / che intrecciano / sinuose e audaci armonie, / che ritagliano / diamantine venature, / che s’insinuano / negli arabescanti straripamenti. / Ho bisogno di parole / che incantano / e accendono sogni trascoloranti.” (Bisogno).

Il sentimento religioso è un’interrogazione inquieta che vuole chiamare in causa Dio per il terribile mysterium iniquitatis e l’incomprensibile ingiustizia che attanagliano l’umanità: “Rispondimi, / per favore, Signore, / almeno / qualche volta, / sazia i miei pressanti / interrogativi, / risolvi / i miei dubbi angoscianti, / rimargina / i miei altalenanti scoramenti, / altrimenti / finirò per perdermi / e Tu / non mi troverai più.” (Rispondimi).

Giovanni Tavĉar, in questi testi, vuole condividere la passione letteraria della ricerca e della riflessione con un lettore attento che sappia coglierne l’autentico significato: “Mutuando il pensiero pirandelliano che con i suoi testi fa saltare gli schemi convenzionali, in una sorta di giuoco delle parti, anche la poesia di Tavĉar risulta capace di rendere vivo il desiderio di invitare ciascun lettore a sostituirsi a Lui e a divenire oltre che fruitore anche autore del Suo stesso pensiero poetico.”

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza