Servizi
Contatti


Riepitu

Un inno alla vita dinanzi alla realtà della morte

Nato dal bisogno di esprimere tutto ciò che è difficile dire a parole, nel poemetto Riepitu, di Filippo Giordano, il ritorno incessante dell’immagine del fratello prematuramente scomparso ritma la sconsolata malinconia e il cuore, oppresso dal rimpianto corre al pensiero dell’estrema dimora: “ssu juornu che, ‘nsirata, mentri spaccavi ligna, / l’ummira, a trarimientu, t’agghiaccau / idda, na pussenti rancata / cuomu na rizza bbannotta / sbulazziau”.

Riepitu (notazione di costume, ormai in disuso, consistente nelle grida e nelle lacrime con cui le donne accompagnavano la dipartita di un congiunto esaltandone le doti e le virtù) è una serie di liriche di rara potenza, dove la forza espressiva deriva dalla capacità di trasmettere le sensazioni che si diramano dal profondo dell’intimo. Le immagini si susseguono come in un film. Frammenti di ricordi illuminano la memoria di una vita semplice, trascorsa nell’armonia della sua terra secondo regole e abitudini antiche, come viene dalla dimensione paesana e contadina: “Tu, ‘n-campagna nun ti ravi abbentu. / Ra matina priestu finu a stracuddata ‘u suli, / truvavi sempri cosi ri fari, / primavera, stati, autunnu e mmiernu / (…) / Facievi tutti i cosi senza affannu, / ievi a tiempu ri musica, / sicutannu u ritmu ri stasciuni”.

Filippo Giordano ricostruisce sull’aria della memoria le cose positive della vita, costruite dal fratello, unitamente alle sue qualità umane e sociali: “A-ttia ca stavi o terzu pianu / ti piacìa, passannu, spissu arrialari / cassette r’aranci, limuni e mandarini / e condomini ri casi popolari”. Nella nobilissima rievocazione, tutto è sospeso in domande inappagate e, alla ricerca di spiegazioni da dare ai dubbi sull’aldilà. Così, sia pure con la speranza che “po’ essiri ca l’armi ri muorti vanu a pusari / nna npuostu chi nuaddi nun virimu” una sequenza di domande, che tessono il ciclo misterioso e attraente della vita, demarca il confine col mistero: “Ma siddu ssu puostu ‘n-cielu c’è, / mu rici, frati miu, cuomu è fattu? / (…) / Nni viri rosi, jaloffiri, gerani? / Nni curri acqua nno vadduni ? / Nni sciuscia vientu a mienzu i rami? / Chiovi, corchi bbota, a primavera? / Tu fai u bagnu, a mari, ri stasciuni? Cancinu culura i fogghj nna l’autunnu? / Nni quagghia nivi nna mmirnata? / Cu è dduocu chi ti fa cumpagnia? / C’è a banna musicale nna ssu puostu? / Sona cuomu sona cca / o puru, arrivànnu dduocu, / cancia pi sempri ogni sunata?

La sequenza di irrisolte domande implicitamente suggeriscono che l’autore abbia la convinzione che quelli che ci lasciano perdono questa grande bellezza del mondo poiché i sentimenti dell’uomo, in quanto proiezione pensante del suo corpo chimicamente composto da elementi terrestri, sono speculari alle stagioni climatiche e, in quanto tali, identificano piaceri e paure nelle manifestazioni naturali, cosicché albe e tramonti, piogge e arcobaleni sono episodi ristretti in ambiti di tempo, gabbia del quale il corpo dell’uomo, nonostante il suo protagonismo, è succube e all’esterno del corpo non vi sono prove che il pensiero abbia una sua autonomia. Cosicché, morto il corpo che riveste il pensiero, è irrimediabilmente perso lo speculare adattamento del pensiero dentro i fenomeni naturali terrestri. Tuttavia, dal corpo del poemetto, si evince altresì che l’autore abbia netta convinzione che ordine universale e storia della evoluzione terrena sia implicita testimonianza di una divina regia che, nella terra “… ruoppu sdilluvi / e timpesti ri seculi e seculi, a luongu tiempu / si cci-aggrappau l’acqua , cumparìu u sirenu / e spuntau a vita”. Dunque, le domande poste al fratello sono occasione di riflessione esistenziale dell’essere che si interroga sul suo destino di creatura, traendo un inno alla bellezza del mondo, ai valori solenni della vita, abbandonandosi al dialetto che offre una rappresentazione fedele del rapporto con il mondo che lo circonda.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza