Servizi
Contatti

Eventi


Spesso durante una lettura piacevole e rilassante può accadere di imbattersi in personaggi che sembrano quasi darci del tu, e che sono talmente verosimili (e simili a noi!) da risultare quasi imbarazzanti nella loro perfetta aderenza alla realtà. E’ il caso della protagonista di questo libro, una donna come tante altre felicemente in lotta con il mondo, sovrastata  dalle mille (piccole e grandi) incombenze quotidiane. Un’esistenza tutto sommato tranquilla, nonostante conflitti familiari irrisolti e qualche delusione in ambito lavorativo. Un marito e tre figlie adorabili. Tutto nella norma, dunque. Ma un giorno questa donna decide che qualcosa nella sua vita deve cambiare, che è giunto il momento di voltare pagina, di ricominciare da zero, anzi da tre, come afferma l’autrice citando scherzosamente un film di Troisi. Un colpo di spugna, ma che non risulti indelebile, in modo da conservare con cura quello che di buono in costruzione c’è già. Le risorse a sua disposizione sembrano sempre più precipitare nel baratro dei pedanti rapporti sociali, che annientano il tempo da dedicare a se stessi. La soluzione? L’espatrio con famiglia al seguito, e soprattutto la necessità di scegliere una meta ad hoc, che permetta di vivere serenamente senza troppi problemi né economici né umani. La scelta cade su una piccola cittadina del Texas, che pare rientrare nei canoni prestabiliti della normalità. Ma il progetto dovrà fare i conti con attimi di esitazione, per poi essere affidato a uno strano tiro del Fato…

L’autrice, che narra se stessa come se raccontasse una vicenda osservata dall’esterno (il racconto infatti presenta una forte vena autobiografica, pur essendo narrato in terza persona), mostra in realtà la volontà di dialogare in primis proprio con il suo animo, guardando la sua Vita come se fosse seduta su una sedia davanti a lei. La sceneggiatura non è però quella tipica di un tribunale, con giudici, accusatori ed indici puntati, bensì quella di un tranquillo e rilassante salotto. E questa conversazione, molto bella pur essendo semplice e concisa, diventa lo spunto per affidare alla penna ricordi e riflessioni ora dolci ora amare che fanno riaffiorare nella mente dell’autrice emozioni molto particolari. Esse conducono per mano il lettore ad immedesimarsi in una storia mai semplicistica o banale, ancorata alla normalità ma con le sfumature di un sogno realizzabile: smussare gli angoli di un cammino che, grazie alla capacità e al desiderio di cambiare, può divenire meno difficoltoso. L’importante è ponderare l’influenza- fatale, nel bene e nel male- del destino, che possiede la capacità di stravolgere a suo piacimento le carte della vita. Ma la partita è ancora aperta!

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza