Servizi
Contatti

Eventi


Non sono amante delle narrazioni gialle o poliziesche, eppure il romanzo di Anna Maria Frascaroli l’ho apprezzato e gustato assai. L’autrice è stata capace di narrare con una gradevole punta d’ironia problematiche anche attuali (la storia pare abbia un fondo di verità trasformato e arricchito dall’arte dell’autrice), quando si è disposti a tutto per il bene del borsello. Interessantissima la tecnica di mostrare la situazione secondo più ottiche. La vicenda è relativa al vissuto di una giovane ragazza avvocato, Martina, il cui socio viene prima arrestato e poi ucciso. Senza responsabilità alcuna Martina è coinvolta nel susseguirsi degli eventi e costretta a una fuga piena d'imprevisti, insieme alla vedova. La giusta dose di Suspense e d’azione, che coinvolgono il lettore senza dimenticare i messaggi che chiaramente sono lui destinati. La storia è ricchissima di personaggi ma mai appesantita, con tradimenti e colpi di scena. Si tratta anche di uno scritto amabilmente colto, basti pensare al titolo Farandole, che indica un’antica danza provenzale di origine greca, a sottolineare il movimento e il gran numero di ballerini. Da Milano si finisce a Trinidad, con anche tanti palcoscenici, ma soprattutto è da sottolineare l’intento pedagogico che vuole esplicitare quanto il denaro, il suo accumulo e la cupidigia abbiano poi nelle loro maglie, negatività per le quali non vale la pena di far sopravvalere i soldi all’essenza dell’essere. La forma e la sintassi sono buone, il periodare snello ma ricco. Collocando l’opera nell’attuale contesto, momento di aggressività e violenza si storicizza la storia che fa da documento interessato a evidenziare le incongruenze della vita moderna.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza