Servizi
Contatti

Eventi


Con tocco da poetessa e dolcissime pennellate, l’autrice Roberta Degli Innocenti fa grande scuola di fantasia e colori. Leggère e lievi le sue pagine, eppure al contempo ricchissime e stimolanti.

Le narrazioni sono assai fornite di elementi magici e ben ritmate, tipica allegoria dei sentimenti umani e fanciulleschi. Il lettore viene condotto in un bel viaggio, sul tappeto dell’immaginazione, con episodi abbondanti di messaggi. Il grande Rodari sarebbe stato ben lieto di vedere un tale invito al gioco della creatività e dell’inventiva, in questo scritto dall’italiano perfetto. Nella pluralità di linguaggi dell’era moderna, viene qui presentata la forza della parola scritta, quando a vergare è una vera artista. Il bambino può interpretare attivamente le varie fiabe narrate, è chiamato ad appassionarsi dalle sfumature della scrittrice, che con fluidità narra e narra gustosi eventi. Il pensiero viene esortato a giochi, mentre per gli insegnanti si fa scuola di didattica, proponendo via via le occasioni per produrre ora esperienze riferite a progetti educativi, ora campi di esperienza. La saggezza e la vitalità della fiaba e della favola, primeggiano in questo libro che pone al centro il bambino e il suo bisogno di vagare con la fantasia, per riuscire a crescere, distinguere il bene dal male, imparare a gestire sé stesso e impossessarsi di nuove conoscenze. In una vera proposta formativa, ecco entrare alla grande la validità del narrastorie, che senza imporre azioni drastiche, ma proponendosi con tenerezza e apparente mitezza nel percorso evolutivo, riesce a dare una mano nell’arduo cammino.

Protagonista di questo importante materiale, sapientemente offerto dall’autrice, è la fantasia, intesa come facoltà mentale di riprodurre, conservare e creare. Il giovane lettore, attraverso l’immaginazione riesce a capire la realtà e diviene attivo produttore, come lo stesso Aristotele ci diceva commentando che solo dando corpo nella propria mente a eventi e cose l’intelletto umano riesce a intendere poi fatti e concetti.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza