Servizi
Contatti

Eventi


Lord Glenn – l’anima di Byron nel cuore di un cane

“Bacherontius”
Anno XLVIII, Nr 1 – Marzo 2017, p. 35

Dice già tutto il titolo… Un romanzo spiritico? Una storia di reincarnazione? Il libro è anche questo, ma è soprattutto un romanzo sulla simbiosi che si instaura, quasi sempre, con quelli che vengono chiamati “animali domestici”, ed invece sono creature, esattamente come noi. Esseri immersi nel tempo, che soffrono, amano, sognano. Chi ha in casa un cane o un gatto lo sa bene. Non sono “inconsapevoli”, non sono solo “istinto”, c’è molto di più perché la loro vita è improntata all’amore per il compagno/a umano. Un amore senza ipocrisie e tradimenti.

La finzione narrativa colloca dentro al corpo di Glenn lo spirito di Byron e ciò comporta tutta una serie di citazioni letterarie, per un gioco narrativo complesso, anche se spesso si declina persino con giocosità. L’autrice ha realizzato una serie dedicata a questo cane-poeta. Un modo insolito di accostare letteratura e realtà che alla fine ha un messaggio: non conta che aspetto possa prendere un’anima, essa ha una fisionomia propria che non dipende dal veicolo con cui si incarna nello scorrere, e nel ritornare, del tempo.

Recensione
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza