Servizi
Contatti

Eventi


Dal sonno della luce

Ora che interrogo la tua Pietà,
Madre, dimmi il prezzo dolente
dell’attesa, della tua radice alta
di baci dal sonno della luce…

Dimmi, Madre, il suono sliricato
di un nuovo volo, oltre il rosario
delle cose, i grani, tra le grane
del quotidiano sudare, inginocchiarsi
e sperare scintille di resurrezione.

A noi anche la soglia d’un quadro
resta ostia consacrata d’affanni.
Elevazione di terra, forse, morte
che un canto mi annunci di riposo...

Paesaggi d’ombra, fiori della grazia.
Immensa ruga di luce, nel deserto
il velo, le mani ora giunte nella sera.

Copyright 2019 © Paolo Carlucci

Tintoretto, Pietà, 1563, Milano, Museo di Brera

Materiale
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza