Servizi
Contatti

Eventi


Fui petrolio di carne con gli occhiali
(dedicata a P.P. Pasolini)

Morii e fui rosa di vita, sangue
sgorgato alla marina.
Mia madre, ombra impazzita,
mi copr col suo pianto
di luce. Bestemmiato fiore

Fui petrolio di carne con gli occhiali
scuri che ridevano la prosa di un bacio

Scrissi versi, randagi di sacro, forse
brani di un Vangelo.
Usato.

Alla darsena vidi ruvide primavere
ronde di piacere senza divisa.

Oggi il mare, cardinale d’autunno,
che sa la ragione nell’amore
raccontare guarita
sorsata di sale
la pi fulgida preghiera.

(2012, da Il mare delle nuvole)

Materiale
Literary 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza