Servizi
Contatti

Eventi


Con le precedenti raccolte di poesia Asfodeli (1998) e La luna e la memoria (2000), Giorgina Busca Gernetti si è imposta in importantissimi concorsi letterari, segnalandosi per un percorso lirico dal tratto marcato, nostalgico e unitario. In Ombra della sera dà ulteriore prova della sua spiccata capacità di calarsi nel vivo della nuova poesia e di estrapolare dal proprio io un ricco compendio di intonazioni e di essenziali incursioni nel tempo, nei perché dell'umanità, nei valori reali dello stare assieme, dell'amare, del sentirsi in pace con se stessi.

È "un canto di libertà", il suo, come ha scritto Sandro Gros-Pietro sul risvolto della copertina, un canto che si sostanzia con contenuti alti, con profili affettivi. mai privi di accensioni e di simbologie. La raccolta si sviluppa in sette tempi: Metempsicosi, Ombra della sera, Eros, Elegie sicane, Il canto della terra, Notturno e Thanatos. Ogni tempo racchiude immagini dal calco armonioso e lineare. In Eros è l'amore a trionfare. In Elegie sicane il suo cantare tocca Siracusa, Agrigento, Selinunte, Segesta, Tindari. Ogni poesia, comunque, e un piccolo-grande mosaico di rintocchi e di parole che racchiudono visioni, elementi per meditare, brividi epocali. E quanta amarezza fuoriesce dai versi dedicati ai bambini afghani: "Occhi senza sorriso, | scuri nel volto triste, | opachi di dolore | succhiato con il latte delle madri | senza sorriso, senza volto". E quanta nostalgia nei versi conclusivi di Preghiera "Ti prego, Padre mio celeste, | fammi risvegliare bambina". Non a caso Giorgina Busca Gernetti viene additata come una delle poetesse più singolari di questo inizio di secolo.

E non a caso a occuparsi di lei sono stati, tra gli altri, oltre a Sandro Gros-Pietro, Giorgio Bárberi Squarotti, Antonio Piromalli, Silvano Demarchi, Silvia Frigenti, Giovanni Quirini, Lorenza Curatola, Giuliana Matthieu, Angioletta Masiero, Francesco Fiumara, Luciano Nanni, Giuseppina Luongo Bartolini, Antonio Gagliardi. (dalla recensione su Il Convivio, n° 3, 2003)

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza